Vuelta 2016: ultima tappa a Magnus Cort Nielsen, Bennati secondo | Video

Fabio Felline ha conquistato la Maglia Verde.

L’ultima tappa della Vuelta 2016 ha visto il bis di Magnus Cort Nielsen dell’Orica-BikeExchange, il danese che si era imposto anche nella diciottesima tappa e che si è aggiudicato la volata di oggi a Madrid davanti a Daniele Bennati della Tinkoff, la squadra di Alberto Contador che chiude questo grande giro senza vittorie e senza Maglie. Per l’Italia è invece arrivata la soddisfazione di vincere la Maglia Verde con Fabio Felline della Trek-Segafredo: il piemontese ieri l’aveva strappata ad Alejandro Valverde della Movistar e oggi l’ha difesa, anche se non c’è stato nemmeno bisogno di partecipare alla volata finale, perché evidentemente lo stesso Valverde lo aveva rassicurato prima della corsa dicendogli che non avrebbe lottato per riprendersi la Maglia.

Tutta la prima parte della tappa, fino all’ingresso a Madrid, è stata dedicata ai festeggiamenti con tutta la Movistar grande protagonista. Nairo Quintana ha brindato in corsa con i compagni di squadra e ha posato con loro per le foto di rito, poi ha posato anche con gli amici colombiani delle altre squadre, ossia Johan Esteban Chaves dell’Orica-BikeExchange, che è salito con lui sul podio, al terzo posto, Darwin Atapuma della BMC, protagonista di fughe e Maglia Rossa dalla quarta alla settima tappa e Jhonatan Restrepo del Team Katusha, anch’egli protagonista di fughe.

All’ingresso nel circuito di Madrid è stato il Team Sky ad attaccare per primo con Christian Knees, ma in fuga ci è andato il suo compagno Peter Kennaugh con Quentin Jauregui dell’AG2R La Mondiale e Loïc Chetout della Cofidis. Dietro questi tre si è messo all’inseguimento Koen Bowman del Team LottoNL Jumbo, che è poi riuscito a raggiungerli. Il vantaggio dei battistrada è salito a 1’ 10” a 37 km dalla fine.

Ai -20 km il distacco è sceso a mezzo minuto e nel frattempo Alberto Contador della Tinkoff ha forato e ha dovuto fare uno sforzo extra per rientrare in gruppo. Tra i battistrada il primo a mollare, a 12 km dal termine, è stato Bouwman, poi ai -8 km è stato ripreso anche Kennaugh, mentre Jauregui e Chetout avevano solo 8” di vantaggio. La fuga è finita a 5 km dal termine e a questo punto è cominciato il lavoro dei treni delle squadre dei velocisti e in volata si è imposto Magnus Cort Nielsen.

Ultima tappa Vuelta 2016 Magnus Cort Nielsen

Questi i primi dieci classifica dell’ultima tappa, tutti con lo stesso tempo:
1) Magnus Cort Nielsen (Orica-BikeExchange) 2h 48’ 52”
2) Daniele Bennati (Tinkoff)
3) Gianni Meersman (Etixx-Quick Step)
4) Kristian Sbaragli (Dimension Data)
5) Nikias Arndt (Team Giant-Alpecin)
6) Lorrenzo Manzin (FDJ)
7) Romain Hardy (Cofidis, Solutions Crédits)
8) Jhonatan Restrepo (Team Katusha)
9) Rüdiger Selig (Bora-Argon 18)
10) Salvatore Pucci (Team Sky)

E queste le prime posizioni della classifica generale finale:
1) Nairo Quintana (Movistar)
2) Chris Froome (Team Sky) +1’ 23”
3) Johan Esteban Chaves (Orica-BikeExchange) +4’ 08”
4) Alberto Contador (Tinkoff) +4’ 21”
5) Andrew Talansky (Cannondale-Drapac) +7’ 43”
6) Simon Yates (Orica-BikeExchange) +8’ 33”
7) David De La Cruz (Etixx-Quick Step) +11’ 18”
8) Daniel Moreno (Movistar) +13’ 04”
9) Davide Formolo (Cannondale-Drapac) +13’ 17”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail