Federer giocherà altri 2-3 anni, parola di Severin Luthi

federer-severin-luthi.jpg

Roger Federer è in vacanza ad Atene con la famiglia in attesa di riprendere la preparazione e completare il recupero dall'infortunio al ginocchio che l'ha costretto a uno stop forzato di sei mesi, sopraggiunto all'indomani della semifinale di Wimbledon persa con Raonic.

Qualcuno però sta pensando al suo futuro. Lo scorso weekend, la Svizzera, priva di Roger e Wawrinka, ha superato l'Uzbekistan in trasferta nello spareggio playoff di Coppa Davis, guadagnandosi il ritorno nel World Group. Un traguardo quasi insperato per la rappresentativa elvetica guidata da Severin Luthi che divide l'incarico con quello di assistant coach dello stesso Federer.

Dopo anni da c.t. della Svizzera con l'Insalatiera vinta nel 2014, pare che Luthi sia intenzionato a lasciare per dedicarsi a tempo pieno proprio a Roger. Lo ha dichiarato lui stesso a margine della vittoriosa trasferta uzbeka, spiegando i motivi del possibile avvicendamento in panchina

Probabilmente avrò tanto da lavorare con Federer nei prossimi 2-3 anni

Queste le parole di Luthi che risollevano il morale ai tanti tifosi di Federer che ne attendono il ritorno. Roger non ha intenzione di ritirarsi e questa pausa forzata, paradossalmente, può giovargli e garantirgli un surplus di energie per gli impegni futuri.

Federer tornerà in campo a gennaio 2017 alla Hopman Cup di Perth, torneo misto a squadre organizzato dall'Itf. Il rientro, tuttavia, potrebbe essere anticipato di qualche settimana. Roger infatti risulta tra i partecipanti dell'International Premier Tennis League, il torneo esibizione itinerante, a squadre, che si disputerà a dicembre in varie città asiatiche.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail