Paris Saint Germain: Aurier condannato a due mesi di carcere

Serge Aurier, calciatore del Paris Saint Germain finisce nuovamente sulle prime pagine dei giornali, ma non per le sue prestazioni all’interno del rettangolo di gioco. Il 23enne ivoriano è stato infatti condannato a 2 mesi di carcere e al pagamento di 600 euro come risarcimento per danni morali e fisici e 1500 euro di spese processuali.

I fatti risalgono allo scorso 30 maggio, quando il calciatore dei campioni di Francia è stato tratto in arresto intorno alle 6 del mattino. Aurier era appena uscito da una discoteca e a rue de Berri, negli Champs-Elysées, assieme ad un gruppo di persone, quando ha iniziato ad inveire all’indirizzo di una pattuglia della Bac, la polizia speciale per le banlieue.

Gli agenti lo hanno a quel punto tratto in arresto e tenuto in stato di fermo per 24 ore con l’accusa di oltraggio e violenza lieve. Secondo la versione fornita da Aurier, sarebbe stato lui a subire un’aggressione. La sentenza non ancora esecutiva, dunque il giocatore potrà scendere regolarmente in campo nel match di Champions League tra il PSG e il Ludogorets. Gli avvocati preannunciano appello, ma sta di fatto che non è la prima volta che l’ivoriano si segnala per comportamenti sopra le righe.

A febbraio scorso, infatti, aveva insultato in un video l’allora tecnico Jean Claude Blanc, l’ex portiere Sirigu e gli altri compagni Ibrahimovic e Di Maria. Per questo motivo finì per un certo periodo fuori rosa.

Aurier - Paris Saint Germain

  • shares
  • Mail