Leicester, la colazione di Vardy: Red Bull, caffè, omelette e fagioli

Jamie Vardy, il centravanti che lo scorso anno ha trascinato il Leicester alla conquista della Premier League, si è raccontato al ‘Sun’. Quest’anno il nazionale inglese non si sta confermando sui livelli dello scorso campionato, ma sta dando comunque il suo apporto alla causa. Quanto alle sue abitudini della sera prima di ogni match, rivela ai giornalisti britannici:

“Lo scorso anno ho iniziato a bere del porto la sera prima di ogni gara, mi aiuta a rilassarmi e a staccare la spina mentre guardo la televisione”.

Nulla di sopra le righe, insomma, considerato che i calciatori hanno bisogno di riposare bene prima di ogni match e senza eccedere anche un bicchiere può aiutare. Il racconto di Vardy, poi, prosegue con il rituale della mattina in cui si giocano le partite e qui siamo già a livelli di stomaco davvero elevati.

“Non faccio colazione, bevo una Red Bull appena sveglio, poi intorno alle 11.30 mangio una omelette al prosciutto e formaggio, con fagioli stufati, e bevo un'altra Red Bull. Prima del match, inganno l'attesa con un doppio espresso, poi a un'ora e mezza dal fischio d'inizio mi bevo una terza lattina di energy drink”.

Nel corso dell’intervista rilasciata al ‘Sun’, infine, il centravanti inglese racconta come nasce il suo soprannome coniato dal tecnico italiano Claudio Ranieri.

“Un giorno, mentre continuavo a parlare negli spogliatoi, Ranieri mi disse di spegnere la radio. Lo guardai confuso e lui mi disse: "Tu parli sempre, sei una fo....a radio". Quello fu da subito il mio soprannome. Ho imparato qualche insulto in italiano così ogni volta che lui mi chiama in quel modo io gli rispondo "b......o" e ci facciamo una risata”.

È la conferma che oltre ai risultati, Ranieri sia riuscito a creare anche un clima ideale all’interno dello spogliatoio delle Foxes. Quest’anno, in campionato sarà difficile ripetersi, ma in Champions fin qui il cammino è stato esaltante.

Vardy - colazione Leicester

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail