Raiola rivela: "Ibrahimovic ha rifiutato 100 milioni netti dai cinesi"

Mino Raiola, fra i più noti e temuti agenti dei calciatori, non manca mai di tenere alta l'attenzione mediatica dei suoi assistiti con "rivelazioni ad orologeria". Le ultime in ordine di tempo sono quelle rilasciate in un'intervista ad un quotidiano del Principato di Monaco, luogo di residenza di Raiola e riguardano il suo calciatore più "celebre", Zlatan Ibrahimovic.

Il fatto che lo svedese, accasatosi da questa stagione al Manchester United dopo la fine del contratto con il PSG, abbia avuto molte offerte negli ultimi mesi in cui era libero di firmare con chiunque essendo in scadenza a giugno è un fatto noto. Meno note sono le cifre raccontate da Raiola in questa intervista: ben 100 milioni che sarebbero arrivati per convincere Ibrahimovic a giocare nel campionato cinese.

Gli oltre 16 milioni ricevuti annualmente da Graziano Pellé hanno impressionato tutti, ma per Ibra ce ne sarebbero stati ben 100 (su base triennale?), ma l'attaccante ha rifiutato perché "lui non vuole più soldi, vuole vincere".
Sarebbe stato davvero clamoroso, ma a questo punto è solo questione di tempo prima che si concretizzino offerte monstre come questa.

Raiola ha risposto a domande anche su altri suoi calciatori e ci ha tenuto a dare nuovamente una pesante investitura a Donnarumma:

Per diventare un campione prima bisogna soffrire, passare oltre la sofferenza. E come il diamante: nasce da una pressione pazzesca. Serve il fuoco dentro. E io sono stato fortunato, di campioni con me ne ho sempre avuti: Zlatan, Nedved, Maxwell, adesso Matuidi e Donnarumma. Che diventerà anche meglio di Buffon, perché chi arriva nel futuro è sempre meglio del passato".

Parole importanti per un estremo difensore giovane come il rossonero...

  • shares
  • Mail