Balotelli: “Il Milan è in confusione. Mai più in Italia”

E sulla nazionale dice di non sentirsi ancora pronto, ma spera di esserlo per le prossime convocazioni di Ventura.

Mario Balotelli è stato in visita a Maranello in casa Ferrari dove, oltre a posare per un po’ di foto con i meccanici della Rossa, ha parlato anche con TGCOM24 del suo momento al Nizza, ma anche del passato con il Milan e il Liverpool e del futuro in nazionale.

In particolare Balotelli ha detto:

“Gli ultimi due anni al Liverpool e al Milan non erano ambienti ideali per me, non ho fatto errori dal punto di vista tecnico e comportamentale a parte gli infortuni. Mi sono trovato in due posti dove non stavo bene, questo era il problema. Non c'era una persona con cui mi sono trovato male, il problema al Milan è l'organizzazione

poi ha precisato che di Adriano Galliani pensa che sia una “persona fenomenale”, ma che “tutto il resto è in confusione” e quando gli è stato fatto notare che molto probabilmente Galliani sarà mandato via, ha aggiunto:

“Pensa allora quanto sono in confusione”

Per quanto riguarda il Liverpool, invece, ha spiegato come è stato il suo breve rapporto con Klopp:

“Klopp non mi conosce e io non lo conosco, sono stato a Liverpool un mese e mezzo ed ho parlato una volta sola con lui. Mi ha detto per me puoi rimanere ma non sei la prima scelta, secondo me è meglio che vai in qualche altra squadra, giochi fai bene e poi puoi tornare”

Quando gli è stato chiesto dunque di fare una classifica delle squadre in cui è stato meglio ha detto:

“Nizza al primo posto, poi Manchester City”

Il Nizza è la sua attuale squadra e lo scorso weekend, dopo aver segnato contro il Lorient è stato espulso per un doppio cartellino giallo. Tutta la Francia si è molto indignata per quella espulsione ritenuta ingiusta e lo stesso arbitro Olivier Thual ha ammesso l’errore dopo aver rivisto l’episodio in tv. Per questo è molto probabile che la Commissione disciplinare annulli l’espulsione e dunque la squalifica di Balotelli che potrebbe dunque essere regolarmente in campo nella prossima giornata di Ligue 1 quando il suo Nizza affronterà un match molto importante contro il Lione. Balo ha anche detto che inizialmente l’amore per Nizza era soprattutto per un fattore climatico:

“All'inizio quando stavo pensando di andare a Nizza lo facevo solo per il clima e la posizione. È sul mare e in una posizione fantastica, venivo da Milano e volevo un posto tranquillo e bello, era un motivo in più per me anche se sembra una stupidaggine”

Intanto Balotelli ha parlato anche della nazionale, che è attualmente in ritiro in vista delle sfide con Spagna e Macedonia, e ha detto:

“Dalla Nazionale ci manco da un po', ma era giusto che non fossi convocato perché non lo meritavo, così come questa volta. È meglio che il mister mi convochi la prossima volta, voglio essere al top”

A Balotelli è stato anche chiesto se tornerà mai in una squadra di club italiana e ha risposto:

“No, in Italia non voglio più giocare”

ma lì vicino era presente il suo procuratore Mino Raiola il quale è intervenuto dicendo:

“Mai dire mai, soprattutto nel calcio”

e allora Balotelli ha concluso:

“Mai dire mai più”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail