Milan: Maldini no, arriva Ambrosini?

Il Milan lavora per definire l’assetto societario che sarà operativo dopo il closing della cessione alla società Sino Europe Sports. Ieri è stato ufficializzato l’ingaggio di Massimiliano Mirabelli, ex Inter, in qualità di direttore sportivo. Con Marco Fassone amministratore delegato e direttore generale, è ancora da definire il ruolo di direttore tecnico. A leggere i quotidiani sportivi di oggi, il ruolo non sarà ricoperto da Paolo Maldini.

Secondo il ‘Corriere dello Sport’, l’ex bandiera parlerà con i nuovi proprietari cinesi e poi dirà no. Secondo la ‘Gazzetta dello Sport’, la cordata non avrebbe preso affatto bene le condizioni dettate da Maldini per il suo ritorno. Insomma, parti assai distanti e difficilmente riavvicinabili. Per questo motivo, Fassone starebbe pensando ad un altro profilo per il ruolo di dt. Il curriculum deve essere però su per giù lo stesso di Maldini: ossia il nuovo direttore tecnico dovrà avere una lunga militanza pregressa nel Milan.

Secondo ‘Sky Sport’, a questo punto, il principale indiziato è Massimo Ambrosini, attualmente commentatore televisivo proprio per il colosso satellitare di Murdoch. Stando alle ultime indiscrezioni, Ambrosini accetterebbe il ruolo rifiutato da Maldini e che prevederebbe incarichi di mera rappresentanza del club, senza alcun potere decisionale. Nei giorni scorsi si era parlato anche di Demetrio Albertini, ma raggiunto da Sky, l’ex vice-presidente federale ha risposto: "Ad oggi non ho ricevuto nessuna telefonata". Difficile che anche Albertini, come Maldini, accetti un incarico dirigenziale che non preveda libertà decisionali.

Ambrosini - Milan

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail