Mondiali Ciclismo Doha 2016, crono: poker di Tony Martin davanti a Kiryienka e Castroviejo

Manuel Quinziato ha chiuso al 22° posto.

A Doha 2016 Tony Martin rispetta i pronostici e fa poker tornando sul primo gradino del podio della cronometro individuale dopo due anni sottotono. Il tedesco ha dominato la prova chiudendo con ben 46" di vantaggio sul campione uscente, il bielorusso Vasil Kiryienka, che comunque ottiene un ottimo argento. Bronzo per il campione europeo in carica Jonathan Castroviejo.

Questo il commento del campione del mondo:

"È stupendo, non ci posso credere. Avevo avuto delle buone sensazioni domenica nella cronosquadre. Questo successo mi fa dimenticare tutto quello che è successo durante l'anno. Il percorso era adatto a me, la mia unica paura era il caldo. Io non conto le vittorie, vorrei vincere il Mondiale ogni anno, la maglia iridata mi è mancata molto negli ultimi due anni, sono felice di ritrovarla"

Tony Martin ha vinto domenica anche la cronosquadre con l'Etixx-Quick Step, ma l'anno prossimo passerà al Team Katusha.
L'azzurro Manuel Quinziato ha chiuso al 22° posto con un ritardo di 2' 39".

Questi i primi classificati della crono:
Classifica crono uomini Mondiali Ciclismo Doha 2016

Mondiali Doha 2016: il racconto della crono


Tony Martin campione del mondo a cronometro 2016

  • 15:00

    Per la quarta volta in carriera Tony Martin si laurea campione del mondo a cronometro, uguagliando Fabian Cancellara.

  • 14:59

    Vasil Kiryienka chiude in 45' 28" 04 ed è argento. Oro a Tony Martin.

  • 14:58

    Tom Dumoulin chiude in 46' 44" 50 ed è decimo (sicuramente undicesimo).

  • 14:56

    All'arrivo mancano solo Kiriyenka e Dumoulin.

  • 14:55

    L'australiano Rohan Dennis chiude in 46' 10" 11, va in quinta posizione provvisoria.

  • 14:52

    Arrivano in sequenza Jonathan Castroviejo e Tony Martin e sconvolgono il podio. Il tedesco vola al comando con un tempo di 44' 42" 99, mentre lo spagnolo registra un crono di 45' 53" 90.

  • 14:50

    Bravissimo Maciej Bodnar che vola al comando con un tempo di 45' 59" 76.

  • 14:47

    Il lussemburghese Bob Jungels chiude in 46' 39" 58, quinto posto provvisorio per lui.

  • 14:45

    Il belga Victor Campenaerts tarda 1' 29" 25.

  • 14:45

    Edvald Boasson Hagen chiude in 48' 33" 02, tempo altissimo che gli vale solo il 33° posto provvisorio.

  • 14:42

    Taylor Phinney chiude in 47' 04" 67 e va in ottava posizione provvisoria.

  • 14:41

    29' 49" è il tempo di Kiryienka al secondo intermedio, dunque è l'unico oltre Martin sotto i 30', ma è abbastanza lontano dal tedesco.

  • 14:38

    29' 27" è il secondo intermedio di Tony Martin, l'unico ad andare sotto i 30'.

  • 14:38

    Stefan Küng va all'ottavo posto provvisorio con un ritardo di 1' 03" 29 rispetto a Mullen.

  • 14:37

    Tony Martin corre con un vantaggio di 34" rispetto a Mullen.

  • 14:35

    Buona la prova dell'azzurro anche se non riuscirà a entrare nella top ten finale.

  • 14:35

    Manuel Quinziato chiude in 47' 22" 34, decima posizione provvisoria.

  • 14:33

    Il russo Vorobyev ha chiuso con un ritardo di 1' 00" 92 rispetto a Mullen, sesta posizione provvisoria per lui.

  • 14:33

    30 ' 15" per Taylor Phinney al secondo intermedio.

  • 14:31

    L'irlandese Nicolas Roche chiude con un ritardo di 1' 55" rispetto al suo connazionale e va al 15° posto provvisorio.

  • 14:30

    Lo sloveno Primo Roglič ha chiuso in 47' 29" 05, va momentaneamente in decima posizione.

  • 14:29

    Solo 2" 30, invece, il ritardo del campione del mondo uscente Vasil Kiryienka rispetto a Tony Martin. Potrebbero essere proprio loro due a lottare per l'oro oggi.

  • 14:28

    Tom Dumoulin ha un ritardo di 21" 40 al primo intermedio rispetto a Tony Martin.

  • 14:25

    E Rohan Dennis registra un ritardo di 10" 35 rispetto a Martin, il suo è il quarto crono al primo intermedio.

  • 14:24

    Tra poco vediamo anche l'intermedio di Rohan Dennis.

  • 14:24

    Nuovo miglior tempo al primo intermedio: lo segna Tony Martin che passa in 16' 05" 96, ossia -7" 60 rispetto a Mullen.

  • 14:23

    Per il lituano Navardauskas tempo finale di 49' 26" 93, va al 19° posto provvisorio.

  • 14:23

    30 '57" il passaggio di Manuel Quinziato al secondo intermedio, è il tredicesimo crono.

  • 14:19

    1' 26" 78 è il tempo finale di Stephen Cummings, per ora è nono.

  • 14:16

    Il belga Yves Lampare si inserisce in seconda posizione con un ritardo di 23" da Mullen.

  • 14:13

    Adesso sono partiti tutti i 70 partecipanti.

  • 14:12

    E ora l'ultimo corridore al via, il campione del mondo uscente, il bielorusso Vasil Kiryienka.

  • 14:10

    Al via l'olandese Tom Dumoulin, vice-campione olimpico.

  • 14:09

    16' 35" è il tempo del nostro Quinziato al primo intermedio, il quinto in assoluto.

  • 14:09

    Parte anche l'australiano Rohan Dennis.

  • 14:07

    Parte il tre volte campione del mondo Tony Martin.

  • 14:06

    È partito anche il campione europeo Jonathan Castroviejo, spagnolo.

  • 14:04

    Intanto il russo Vorobyev è quarto al primo intermedio con 16' 28".

  • 14:04

    E ora il campione polacco Maciej Bodnar, grande amico di Peter Sagan.

  • 14:02

    Parte il campione portoghese Nelson Oliveira.

  • 13:58

    Tra poco al via il francese Johan Le Bon, poi il giovane lussemburghese Bob Jungels, oro nella cronosquadre.

  • 13:58

    Parte ora il vice-campione europeo, il belga Victor Campenaerts.

  • 13:57

    Adesso stanno partendo in sequenza tutti i migliori. In questo momento è la volta del norvegese Edvald Boasson Hagen.

  • 13:55

    Parte l'americano Taylor Phinney, che è stato campione del mondo Under 23 nel 2010 e parla un perfetto italiano perché ha trascorso molto tempo nel nostro Paese fin da adolescente.

  • 13:55

    Tempo molto alto per il bielorusso Samoilau che chiude con un ritardo di 3' 46".

  • 13:50

    Van Emden chiude in seconda posizione provvisoria a 23" di ritardo da Mullen.

  • 13:48

    Ed ecco che parte il nostro Manuel Quinziato.

  • 13:42

    Adesso al via c'è lo sloveno Primo Roglič.

  • 13:43

    Intanto al secondo intermedio Van Emden registra il nuovo miglior tempo in 30' 01".

  • 13:30

    Ryan Mullen chiude in 46' 04" 74 ed è primo.

  • 13:26

    Stephen Cummings, che parte alle 13:31, si sta preparando indossando un giubbotto di ghiaccio.

  • 13:25

    Il ruandese Uwizeyimana chiude con un ritardo di 2' 43" rispetto ad Haddi.

  • 13:21

    52' 22" è il tempo finale del primo al traguardo, il marocchino Soufiane Haddi.

  • 13:16

    Mullen continua a fare meglio di tutti, rispetto a Grivko migliora il tempo al secondo intermedio addirittura di 55". 30' 03" 83 è il suo crono.

  • 13:16

    Grivko è arrivato al secondo intermedio con un tempo di 30' 59" 45.

  • 13:15

    Per ora nessuno sta riuscendo a fare meglio di Mullen all'intermedio. Erviti ha registrato un ritardo di 40".

  • 13:05

    L'irlandese Ryan Mullen fa notevolmente meglio di Grivko al primo intermedio con un tempo di 16' 13" 56.

  • 13:02

    16' 47" 55 è il tempo di Andriy Grivko al primo intermedio e per ora è lui il migliore.

  • 12:58

    Parte ora lo spagnolo Imanol Erviti.

  • 12:48

    Adesso al via c'è il russo Maxim Belkov.

  • 12:48

    Per Haddi, il primo a partire, il tempo al primo intermedio è di 18' 35" 28, ma è davvero poco indicativo per quella che sarà la corsa.

  • 12:42

    Ricordiamo che i corridori partono a intervalli di 1' 30".

  • 12:41

    La temperatura viene indicata tra i 35 e i 36° C, ma ieri Manuel Quinziato durante l'allenamento ha registrato una temperatura di 43° C.

  • 12:39

    Il primo intermedio è al km 13.

  • 12:36

    Ci vorrà un po' per avere dei primi dati significativi. I primi al via, ovviamente, sono i meno forti.

  • 12:30

    Comincia la crono individuale degli uomini élite. Anche oggi la presenza di pubblico lascia a desiderare. SI comincia con il marocchino Soufiane Haddi.

Cronometro uomini élite: Mondiali Doha 2016


Diretta cronometro Mondiali ciclismo Doha 2016 uomini professionisti 12 ottobre

Si conclude oggi la prima parte dei Mondiali di Ciclismo su strada di Doha 2016 che è stata interamente dedicata alle cronometro. Da domenica abbiamo assistito prima alle cronosquadre delle donne e gli uomini élite, poi alle crono individuali di tutte le categorie e oggi tocca ai professionisti cimentarsi nella corsa contro il tempo.

Il percorso non presenta alcuna difficoltà altimetrica, è tutta pianura, ma la prima parte è caratterizzata da numerose curve ad angolo retto, dodici per la precisione, poi c’è il lungo rettilineo dell’AliKhor Costal su cui si può andare a tutta, ma stando attenti al vento, che può creare non poche difficoltà. Arrivati a West Bay si entra nel golfo artificiale di The Pearl per il circuito finale che abbiamo visto più volte nelle altre cronometro. La lunghezza totale del percorso è di 40 km e la partenza è dal circuito automobilistico di Lusail.

Al via c’è il campione uscente, il bielorusso Vasil Kiryienka, che partirà per ultimo e tenterà un bis che tuttavia, visto lo stato di forma della concorrenza, sembra arduo da conquistare. Per l’Italia, purtroppo, non c’è Adriano Malori, argento l’anno scorso a Richmond, ma quest’anno protagonista di una bruttissima stagione a causa delle cadute che gli hanno creato gravi problemi fisici. C’è però il campione italiano a crono in carica, Manuel Quinziato, che ha vinto per due volte consecutive l’oro nella cronosquadre con la sua BMC a Ponferrada 2014 e a Richmond 2015 e che domenica scorsa ha conquistato l’argento dietro all’Etixx-Quick Step. Quinziato è il più "anziano" in corsa con i suoi 37 anni da compiere il 30 ottobre.

A proposito di Etixx-Quick Step, l’uomo da tenere seriamente d’occhio oggi è Tony Martin, il tedesco che ha vinto tre volte consecutive il titolo mondiale nella crono. Attenzione anche al vice-campione olimpico Tom Dumoulin, all’australiano Rohan Dennis, allo spagnolo Jonathan Castroviejo, allo svizzero Stefan Küng, allo sloveno Primož Roglič, all’americano Taylor Phinney, al polacco Maciej Bodnar e poi ancora il britannico Alex Dowsett che, come Dennis, è ex detentore del record dell’ora (prima che se ne impossessasse Bradley Wiggins), al portoghese Nelson Oliveira, all’australiano Luke Durbridge, al giovane lussemburghese Bob Jugels, che, come Martin, ha vinto l’oro nella cronosquadre.

La cronometro sarà trasmessa in diretta da RaiSport, sia in tv, sia in streaming sul sito ufficiale www.raisport.rai.it. Qui su Blogo potrete seguire il liveblogging integrale.

Cronometro Mondiali Doha 2016: ordine di partenza


Ore 12:28:30, Haddi Soufiane (Marocco)
Ore 12:30:00, Uwizeyimana Bonaventure (Ruanda)
Ore 12:31:30, Khalil Sayed Ahmed (Bahrein)
Ore 12:32:59, Mohsin Khan (Pakistan)
Ore 12:34:30, Panwar Arvind (India)
Ore 12:36:00, Alsaffar Salman Hasan (Kuwait)
Ore 12:37:29, Halilaj Redi (Albania)
Ore 12:39:00, Averin Maksym (Azerbaijan)
Ore 12:40:30, Teshome Hagos Meron (Eritrea)
Ore 12:41:59, Bagdonas Gediminas (Lituania)
Ore 12:43:30, Bizhigitov Zhandos (Kazakistan)
Ore 12:45:00, Grivko Andriy (Ucraina)
Ore 12:46:29, Mullen Ryan (Irlanda)
Ore 12:48:00, Belkov Maxim (Russia)
Ore 12:49:30, Andersen Søren Kragh (Danimarca)
Ore 12:50:59, Hollenstein Reto (Svizzera)
Ore 12:52:30, Vermeulen Alexey (Usa)
Ore 12:54:00, Laengen Vegard Stake (Norvegia)
Ore 12:55:29, Roy Jérémy (Francia)
Ore 12:57:00, Bialoblocki Marcin (Polonia)
Ore 12:58:30, Erviti Ollo Imanol (Spagna)
Ore 12:59:59, Sütterlin Jasha (Germania)
Ore 13:01:30, Debesay Mekseb (Eritrea)
Ore 13:03:00, Van Emden Jos (Olanda)
Ore 13:04:29, Samoilau Branislau (Bielorussia)
Ore 13:06:00, Abdullah Afif (Qatar)
Ore 13:07:30, Jawad Mansoor (Bahrein)
Ore 13:08:59, Mahmood Hafiz Tahir (Pakistan)
Ore 13:10:30, John Naveen (India)
Ore 13:12:00, Asiri Sultan (Arabia Saudita)
Ore 13:13:29, Nuha Alban (Kosovo)
Ore 13:15:00, Halmuratov Muradjan (Uzbekistan)
Ore 13:16:30, Alali Saied Jafer (Kuwait)
Ore 13:17:59, Zhupa Eugert (Albania)
Ore 13:19:30, Manninen Matti (Finlandia)
Ore 13:21:00, Tzortzakis Polychronis (Grecia)
Ore 13:22:29, Siutsou Kanstantsin (Bielorussia)
Ore 13:24:00, Asadov Elchin (Zerbaijan)
Ore 13:25:30, Ho Burr (Hong Kong)
Ore 13:26:59, Smukulis Gatis (Lettonia)
Ore 13:28:30, Houle Hugo (Canada)
Ore 13:30:00, Lampaert Yves (Belgio)
Ore 13:31:29, Cummings Stephen (Gran Bretagna)
Ore 13:33:00, Navardauskas Ramunas (Lituania)
Ore 13:34:30, Bauer Jack (Nuova Zelanda)
Ore 13:35:59, Durbridge Luke (Australia)
Ore 13:37:30, Roth Ryan (Canada)
Ore 13:39:00, Gruzdev Dmitriy (Kazakistan)
Ore 13:40:29, Vasylyuk Andriy (Ucraina)
Ore 13:42:00, Roglič Primož (Slovenia)
Ore 13:43:30, Roche Nicolas (Irlanda)
Ore 13:44:59, Turek Daniel (Repubblica Ceca)
Ore 13:46:30, Vorobyev Anton (Russia)
Ore 13:48:00, Quinziato Manuel (Italia)
Ore 13:49:29, Madsen Martin Toft (Danimarca)
Ore 13:51:00, Küng Stefan (Svizzera)
Ore 13:52:30, Dowsett Alex (Gran Bretagna)
Ore 13:53:59, Vargas Alzate Walter Alejandro (Colombia)
Ore 13:55:30, Phinney Taylor (Usa)
Ore 13:57:00, Boasson Hagen Edvald (Norvegia)
Ore 13:58:29, Campenaerts Victor (Belgio)
Ore 14:00:00, Le Bon Johan (Francia)
Ore 14:01:30, Jungels Bob (Lussemburgo)
Ore 14:02:59, Oliveira Nelson (Portogallo)
Ore 14:04:30, Bodnar Maciej (Polona)
Ore 14:06:00, Castroviejo Nicolas Jonathan (Spagna)
Ore 14:07:29, Martin Tony (Germania)
Ore 14:09:00, Dennis Rohan (Australia)
Ore 14:10:30, Dumoulin Tom (Olanda)
Ore 14:11:59, Kiryienka Vasil (Bielorussia)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail