Radar Pace: un personal trainer negli occhiali

Radar Pace è un dispositivo nato dalla collaborazione tra Oakley e Intel e che può trasformarsi in un personal trainer “da indossare”. Ad un primo e superficiale sguardo, potrebbe sembrare un comunissimo paio di occhiali, ma in realtà si tratta di un sistema di allenamento tecnologico che accompagna nel running e in altre discipline. Già in passato, Oakley (società americana che fa parte del gruppo Luxottica) aveva provato a realizzare degli smart glass in collaborazione con Google. Questa volta, però, ci è riuscita alleandosi con Intel, di cui ha sfruttato appieno le esperienze di questa azienda del campo della tecnologia vocale.

Radar Pace è sostanzialmente un paio di occhiali dotato di tutte le tecnologie Oakley, che dispone nelle asticelle laterali dei sensori e gli auricolari che si vanno ad inserire direttamente nelle orecchie. Insomma, una sorta di evoluzione dei modelli Radarlock, già usati da molti atleti olimpici. Una volta indossati e messi in funzione, gli occhiali aprono la conversazione con un “Okay Radar” e collegati ad uno smartphone tramite connessione Bluetooth aumentano di non poco la loro funzionalità.

Il runner può interrogare Radar Pace quando vuole, utilizzando frasi di utilizzo comune. Se, ad esempio, si vogliono conoscere i dati durante un allenamento, basterà chiedere “a che velocità sto andando?” o cose simili. Insomma, questo dispositivo può dialogare esattamente come Siri, l’assistente vocale di Apple che è ormai più che collaudato. Radar pace, inoltre, è stato programmato per fornire consigli e dare informazioni al runner anche in maniera autonoma. Anche nel caso in cui sia stata avviata della musica, in sottofondo la voce dell’assistente interviene per chiedere uno sforzo superiore oppure complimentarsi per andatura e risultati ottenuti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail