Del Potro eletto miglior sportivo argentino del 2016, ma potrebbe saltare l’Australian Open

DelPo forse salta anche la Coppa Davis contro l’Italia.

Già durante le Olimpiadi si era capito che non ci sarebbe stato nessun rivale, da Leo Messi in giù, per Juan Martin Del Potro nella corsa al titolo di miglior sportivo argentino del 2016. Poi, a mettere il sigillo, è arrivata la conquista della prima Coppa Davis nella storia dell’Argentina, un successo in cui DelPo è stato semplicemente determinante. Ecco allora che ieri gli è stata consegnata la Olimpia de oro, il premio che spetta all’atleta argentino che si è distinto più di tutti gli altri durante l’anno.

Nel 2016, infatti, Del Potro è tornato a gareggiare ad alti livelli dopo quasi due anni di assenza a causa di problemi fisici. Ha vinto un titolo ATP a Stoccolma, ha conquistato la preziosissima medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio 2016 perdendo solo in finale contro Andy Murray, poi diventato numero 1 al mondo a fine anno, e infine ha vinto la Coppa Davis. Tra l’altro, durante la competizione a cinque cerchi, DelPo ha fatto fuori addirittura Novak Djokovic e Rafa Nadal.

Ma per il tennista argentino è già tempo di pensare alla prossima stagione. A gennaio si riprende dall’Australia, ma un finale del 2016 così intenso ha lasciato qualche strascico nella sua preparazione, perciò Del Potro ha confessato che sta pensando di rinviare a febbraio l’inizio della sua stagione 2017 per potersi allenare bene. Questa decisione, ovviamente, gli farebbe saltare gli Australian Open, ma anche la sua presenza nella sfida di Coppa Davis contro l’Italia potrebbe essere a rischio. Argentina-Italia è in programma a Buenos Aires dal 3 al 5 febbraio e Del Potro ha detto:

“Contro l'ltalia si giocherà sulla terra, una superficie su cui faccio fatica. Tuttavia non abbiamo ancora deciso cosa fare, quando saremo più tranquilli stabiliremo al meglio la programmazione. Nel 2017 voglio essere in salute e sapere che ho la tranquillità che per fortuna la Coppa Davis è nostra. Questo mi fa stare molto tranquillo”

In particolare su Auckland, Australian Open e Coppa Davis ha precisato:

“Mancano 15 giorni al primo torneo e non so saranno sufficienti gli allenamenti che farò. Se giocassi questi due tornei perderei molto tempo per allenarmi. Preferirei fermarmi ora e non rinunciare ad altri tornei in altri periodi. Il tennis mi ha aspettato due anni e l'Australian Open può aspettarmi un altro anno. Ma so anche che è un torneo importante e che se vai bene puoi fare un gran balzo nel ranking e stare a posto per tutta la stagione”

Tra l’altro Del Potro non ha ancora trovato un allenatore e a proposito di questo argomento ha spiegato:

“Più che un allenatore mi serve una persona che riesca a farmi giocare con continuità tutta la stagione”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail