Cina, nuovo scandalo: scambi di identità nelle maratone

Cina - Nuovo scandalo scoperchiato da un morto alla mezza maratona di Xiamen. La tragedia avvenuta durante una competizione nel sud-est della Cina, ha rivelato quella che è ormai una vera e propria moda, ossia pagare altre persone per correre a proprie nome durante le maratone.

Un ragazzo è deceduto per arresto cardiaco a 4,5 Km dal traguardo e secondo quanto risultato alle autorità locali, non era registrato alla competizione con la sua identità. Su 18.000 iscritti totali, hanno poi scoperto gli organizzatori, ben 30 avevano corso sotto “mentite spoglie”. L’obiettivo era quello di ottenere punteggio per l’iscrizione all’università.

Non è la prima volta, tra l’altro, che la maratona di Xiamen finisce sulle prime pagine dei quotidiani. Nel 2010, infatti, 30 runners furono squalificati per essere arrivati tra i primi 100 utilizzando passaggi tramite i mezzi pubblici. Nonostante ciò, comunque, il running continua a crescere di popolarità in Oriente: quest’anno in Cina gli eventi sono quasi raddoppiati rispetto agli anni passati.

A frenare una vera e propria esplosione del fenomeno è l’inquinamento, che costringe i runner ad utilizzare la mascherina.

cina maratona

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail