Federica Pellegrini vince tre gare in un’ora alla Coppa Brema

Subito dopo è corsa via perché deve ancora finire di comprare i regali di Natale.

Il 2016 agonistico di Federica Pellegrini è finito solo stamattina, a due giorni da Natale, quando ha disputato (e vinto) tre gare in appena un’ora nella fase regionale della Coppa Brema con la sua società, l’Aniene.

La Divina ha nuotato i suoi 200 stile libero in 1’ 54” 980, i 200 dorso in 59” 38 e la sua frazione della staffetta 4x100 in 54” 13. Tutti ottimi tempi che confermano quanto di buono ha fatto per tutto l’anno. Ovviamente in nessuna di queste gare ha avuto rivali, le ha vinte tutte, la staffetta con le compagne Rachele Seracchi, Elena Di Liddo ed Erika Ferraioli.

Di tutto il 2016, infatti, Fede cancellerebbe solo una gara, la finale olimpica dei 200 sl, in cui per un soffio non ha vinto il bronzo che, certamente, sarebbe stato la ciliegina sulla torta di una delle stagioni migliori della sua carriera. Ma in ogni caso i tempi che ottiene lei sono utopia per altre 28enni.

Ricordiamo che a inizio dicembre l’azzurra ha vinto il suo primo oro mondiale in vasca corta, sempre nei suoi 200 stile, e ha conquistato anche un argento e un bronzo con le staffette.

Subito dopo le gare di oggi, Pellegrini si è fermata a parlare qualche minuto con i giornalisti e ha raccontato:

“Il bilancio del 2016 è positivissimo. La finale che più contava per pochissimo non è andata come pensavo, ma chiudo con il sorriso e vivrò le feste in maniera spensierata. Era in fondo quello che speravo e non c’era modo migliore”

Guardando al futuro, ci sono prima di tutto i Mondiali di Budapest 2017, poi si vedrà se e come continuare fino ai Giochi di Tokyo 2020:

“Parto da ventottenne e ci arriverò che sarò trentaduenne, per sapere cosa farò dovrò vedere come reagirà il fisico sugli allenamenti nei 200. Se non risponderà troppo bene mi sposterò sulla velocità. La staffetta veloce? Sperare in una medaglia mondiale od olimpica è azzardato, ma un sogno che si può coltivare”

Ora Federica è attesa da un compito molto più “terreno”: ha lasciato Roma, dove ha disputato la fase regionale della Coppa Brema, per dirigersi a Verona dove la attende la sua famiglia per le feste e ha confessato che deve ancora finire di comprare tutti i regali di Natale. Chissà se sotto il suo albero ce ne sarà anche uno per Filippo Magnini…

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail