Supercoppa, Galliani: "È la vittoria che porterò nel cuore"

Dopo oltre 5 anni il Milan è tornato a festeggiare la vittoria di un trofeo e Adriano Galliani non ha nascosto di essersi commosso quando Mario Pasalic ha trasformato il quinto calcio di rigore della serie. Anche l'Ad rossonero - come Donnarumma e Montella - ha dedicato la vittoria al Presidente Berlusconi, con il quale ha condiviso il suo percorso professionale nel mondo del calcio: "Siamo arrivati al 29.mo trofeo più 16 secondi posti, ma è sempre una gioia meravigliosa perché siamo tornati a vincere dopo cinque anni. Sono contento per Pasalic, mi ha fatto commuovere quando ha fatto gol. Sembrava un oggetto misterioso e invece da ragazzino è andato sul dischetto e ci ha regalato la coppa. Vincere dà sempre soddisfazione, un rigore ti cambia umore e prospettive. Sono molto contento per Berlusconi, era molto felice e se lo merita dopo tutti gli sforzi economici, morali che ha fatto. Gli dedichiamo la vittoria".

Galliani si è complimentato con tutta la squadra per il successo contro la Juve, ma soprattutto con Suso e Abate che hanno fatto impazzire Evra quando il francese è subentrato al posto dell'infortunato Alex Sandro: "Tutta la squadra è stata bravissima, ma lui e Abate hanno fatto una partita super. Siamo partiti timidi, poi abbiamo fatto bene soprattutto nella prima parte del secondo tempo. Nell'anno solare 2016 abbiamo giocato alla pari della Juventus, siamo 2-2".

  • shares
  • Mail