Napoli-Pavoletti, affare congelato. Ecco perché si deciderà domani

Leonardo Pavoletti non è ancora un calciatore del Napoli. Oggi il bomber genoano si è sottoposto alle visite mediche di rito a Villa Stuart a Roma, iniziate con 7 ore di ritardo rispetto all'orario previsto per consentire ai procuratori ed ai dirigenti di sistemare delle questioni non ancora chiarite sui diritti d'immagine. Pavoletti in questo momento non è a posto fisicamente, bensì sta svolgendo un lavoro differenziato per recuperare dalla distorsione al ginocchio rimediata nel match contro la Lazio dello scorso 20 novembre.

All'uscita da Villa Stuart è stato intercettato il medico sociale del Napoli, che ha fatto il punto della situazione rinviando a domani il suo parere definitivo sulle condizioni del giocatore: "Pavoletti ha svolto tra gli altri anche il test isocinetico che è importante per una valutazione funzionale del ginocchio. Il ragazzo è in via di guarigione ma è chiaro come non sia ancora pronto per giocare partite. Sta seguendo un programma di riabilitazione che continuerà fino a che non sarà pronto. Esito positivo dalla risonanza? Questo non posso dirlo, ha dato l’esito che doveva dare chiarendoci molto la situazione. Tempi di recupero? Non fatemene parlare, intanto domani completiamo tutti gli accertamenti perché noi dobbiamo essere convinti. Domani ci saranno i test riguardanti la parte cardiologica, sapete quanto siano importanti in Italia. Ecocardiogramma, prova da sforzo e dei nostri test funzionali che guarderemo insieme che ha effettuato oggi a Villa Stuart. Metteremo insieme tutto e daremo vita ad una relazione su quanto visto, decidendo il da farsi".

A meno di clamorosi colpi di scena domani sera l'affare dovrebbe diventare ufficiale, anche se Pavoletti non potrà essere impiegato prima del 15 gennaio prossimo a causa di questo infortunio che sta complicando le sue visite mediche.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail