Roma, Pallotta assicura: "Nel 2017 partiamo con il nuovo stadio"

James Pallotta ha ripercorso il 2016 della sua Roma concedendo una lunga intervista al sito ufficiale della società. Tra i vari argomenti toccati anche il nuovo stadio, tema sempre caldissimo tra i tifosi della Roma. Il Presidente ha spiegato di essere stato molto impegnato nella fase di progettazione del nuovo impianto e di tutte le realtà economiche che vi saranno presenti.

Le cose sono andate più lentamente del previsto, ma Pallotta spera seriamente di ottenere tutte le autorizzazioni per iniziare i lavori nel mese di marzo 2017: "Ci sono stati alcuni ritardi, forse un po’ per colpa nostra, ma anche per via dei cambiamenti nell’amministrazione cittadina e per quello che è successo a Roma, ma siamo fiduciosi sul fatto che a marzo otterremo l’approvazione. Siamo pronti. Sono un po' dispiaciuto per il fatto che i lavori non siano ancora iniziati nel concreto. Anzi, mi sarebbe piaciuto aver iniziato i lavori nel momento in cui abbiamo comprato la squadra, ma sappiamo che ci vuole del tempo. Ho visto recentemente dei commenti che dicevano Pallotta è scomparso. Lo scorso anno, se non sono stato a Roma quanto avrei voluto, è perché ho trascorso molto tempo con architetti, professionisti del settore edile, del design della finanza e così via. Cosa faremo per la ristorazione? Chi gestirà le vendite e che sistema di ticketing utilizzeremo? Molte di queste cose hanno luogo a Boston, altre a New York e alcune persino a Londra. Molte delle persone con cui parliamo vivono in queste città. Le cose stanno così. Mi manca Roma ma non posso farci molto perché il lavoro non si sta concentrando esclusivamente sullo stadio ma anche su alcuni ruoli che stiamo cercando di definire. Il progetto dello stadio e del complesso circostante sono incredibili. Tutte le persone che l’hanno visto sono rimaste colpite".

Mentre la proprietà progetta un nuovo impianto, la squadra continua a giocare in un Olimpico sempre semivuoto. Questo dato amareggia un po' tutti, soprattutto i giocatori. Pallotta ha criticato le "barriere della discordia" istallate in Curva Sud ed ha assicurato che si impegnerà nuovamente per farle rimuovere:

"C'è grande frustrazione da parte mia, perché i tifosi si sono comportati bene e sono il primo a essere contrariato per l’installazione delle barriere. Si sarebbe dovuto parlare e discutere della questione, piuttosto che riceverla come un’imposizione. Ci stiamo lavorando. Mauro ha preso parte a dei colloqui recentemente e le cose sembrano migliorare. Le barriere non devono esserci ma se riusciremo a farle rimuovere, i tifosi dovranno fare la loro parte e assumersi le proprie responsabilità".

  • shares
  • Mail