Park Run: dove e quando si può fare

Il Park Run, un format che appassiona sempre più runner (ma non solo) anche in Italia. Il parco è da sempre uno dei luoghi preferiti per gli allenamenti di runner e podisti. Tanti gli aspetti positivi del correre in un parco, a partire dall’aria più pulita, dai percorsi interessanti e variegati, oltre che per il paesaggio che ci si trova davanti agli occhi e che rende meno “pesante” la fatica fisica.

Pian piano, in queste ambientazioni hanno preso piede iniziative nate proprio per volere di qualche runner che ha deciso di organizzarsi in associazioni o gruppi sparsi. Tra gli eventi, tanti gratuiti, alcuni che necessitano di un piccolo contributo, ma che hanno il minimo comune denominatore nell’aggregazione. Atleti della stessa zona, dopo essersi ritrovati assieme nel parco cittadino, si organizzano e vanno a correre “in trasferta” anche in altre località.

Park Run Italia si rifà al format nato in Inghilterra il 12 ottobre del 2004 a Bushi Park, periferia di Londra. Il modello si è via via diffuso in tutto il mondo e nel Bel Paese viene riproposto in 4 località: in 2 sedi a Palermo (Parco Uditore e La Favorita), Rimini e Milano (Parco Nord) con ritrovo 15 minuti prima alla Runstation La42 in Viale Suzzani 283. Il Park Run si svolge in contemporanea in tutte le località il sabato mattina e su un percorso disegnato sui 5 chilometri. Alla manifestazione possono partecipare runner di ogni età e genere, ma anche semplici camminatori, non trattandosi di una competitiva.

Per parteciparvi, gratuitamente, non bisogna fare altro che registrarsi sul sito della manifestazione e stampare un codice a barre che consente anche di cronometrare la propria partecipazione.

park run

  • shares
  • Mail