Rugby, Italia - Nuova Zelanda, il test match di sabato 17 novembre

Sabato 17 novembre, la nazionale azzurra di Rugby incontrerà gli All Blacks, la nazionale neozelandese, numero 1 al mondo. Quello contro la Nuova Zelanda, sarà il secondo Cariparma Test Match dopo la partita con il Tonga, terminata con un vittoria dell'Italia sabato scorso a Brescia.

Italia - Nuova Zelanda si terrà a Roma, allo Stadio Olimpico, a partire dalle ore 15. Oggi, il ct Jacques Brunel ha annunciato la formazione che scenderà in campo dal primo minuto.

Questi sono i 15 che affronteranno gli All Blacks:

15 Andrea Masi
14 Giovambattista Venditti
13 Tommaso Benvenuti
12 Alberto Sgarbi
11 Mirco Bergamasco
10 Luciano Orquera
9 Edoardo Gori
8 Sergio Parisse
7 Simone Favaro
6 Alessandro Zanni
5 Francesco Minto
4 Antonio Pavanello
3 Martin Castrogiovanni
2 Leonardo Ghiraldini
1 Andrea Lo Cicero

Questa, invece, è la lista di giocatori che saranno a disposizione del ct azzurro:

Davide Giazzon, Alberto De Marchi, Lorenzo Cittadini, Quintin Geldenhuys, Mauro Bergamasco, Robert Barbieri, Tobias Botes, Luke Mclean.

La formazione annunciata dal ct neozelandese Steve Hansen, invece, sarà la seguente:

15 Beauden Barrett
14 Hosea Gear
13 Conrad Smith
12 Ma'a Nonu
11 Julian Savea
10 Aaron Cruden
9 Aaron Smith
8 Kieran Read
7 Sam Cane
6 Liam Messam
5 Brodie Retallick
4 Ali Williams
3 Charlie Faumuina
2 Keven Mealamu
1 Tony Woodcock

Panchina
Dane Coles, Wyatt Crockett, Ben Franks, Sam Whitelock, Victor Vito, Tawera Kerr-Barlow, Daniel Carter, Cory Jane.

Per quanto riguarda la copertura televisiva dell'incontro, il match sarà trasmesso in diretta su La7.

Riguardo l'approccio alla partita, Jacques Brunel ha affermato di volere un'Italia senza timore:

Voglio una squadra che vada a sfidare gli All Blacks senza paura. La Nuova Zelanda è l'Everest del rugby, noi siamo alpinisti che devono scalare la montagna più difficile senza paura, pronti a sopportare il freddo e le intemperie. Altrimenti è meglio rimanere tranquilli sul Monte Bianco. Andiamo in campo non per subire ma per imporre qualcosa del nostro gioco. Non l'abbiamo fatto contro Tonga, ma imporre deve rimanere l'obiettivo di questa squadra.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail