Roberto Baggio: i 50 anni del Divin Codino

Il compleanno di uno dei più forti calciatori italiani di sempre

Roberto Baggio compie 50 anni e non si può non celebrare uno dei più grandi calciatori della storia italiana. Alcuni lo hanno definito il “campione del popolo”, che soprattutto con la maglia della nazionale italiana ha saputo entusiasmare come pochi altri. Dalle notti magiche di Italia ’90 a quel “maledetto” rigore sbagliato ad USA ’94, il nome di Baggio è stato indissolubilmente legato alla nazionale. Rimane il rammarico per non essere mai riuscito ad alzare un trofeo con quella maglia azzurra che ha amato e per la quale non si è mai risparmiato, sin dalla prima convocazione.

Ribattezzato “Divin Codino”, Baggio ha collezionato tra club e nazionale italiana 699 presenze con 318 gol. Per alcuni era un 10, per altri un 9 e mezzo, Baggio è stato semplicemente un campione, dentro e fuori dal campo. Sia a livello sportivo, sia umano, siamo convinti che il fantasista di Caldogno abbia raccolto molto meno di quanto meritasse, anche perché il suo carisma ha spesso incontrato le antipatie di qualche allenatore…

Nella sua bacheca ci sono comunque titoli di tutto rispetto, come due scudetti (Juventus e Milan), una Coppa Uefa e una Coppa Italia, entrambe con la Juventus. La soddisfazione più grande a livello personale è stato il Pallone d’oro vinto nel 1993, mentre negli almanacchi risulta essere il settimo calciatore per reti segnate in Serie A, 205. Scaricato dalle big nostrane (prima dalla Juve, poi da Milan e Inter), Baggio ha saputo calarsi in realtà dalle ambizioni minori come Bologna e Brescia, confermando che la poesia del calcio va ben oltre i tanti soldi che comunque circolano nell’ambiente.

L’addio al calcio è avvenuto il 16 maggio del 2004 a San Siro: al termine di Milan-Brescia tutto lo stadio si è unito in un unico coro per salutare una vera e propria leggenda.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail