Stadio Olimpico Roma: barriere più basse e telecamere in curva

La decisione è stata presa dopo una riunione in Questura

Novità per lo stadio Olimpico di Roma: saranno abbassate le barriere precedentemente installate per motivi di sicurezza, ma sarà implementato il servizio di videosorveglianza nella parte centrale delle curve e rafforzato il servizio d’ordine degli steward. La decisione è stata presa oggi in Questura al termine di un tavolo tecnico: i lavori saranno realizzati a breve, prenderanno il video dopo Roma-Villarreal di Europa League e saranno terminati entro il derby con la Lazio in programma l’1 marzo.

Al tavolo tecnico tenutosi presso la Questura di Roma, hanno partecipato i rappresentanti delle forze dell’Ordine, del Coni e delle due società capitoline. Il vertice si è reso necessario per attuare le direttive del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Prefetto. Il primo punto all’ordine del giorno era rappresentato dalle barriere, che però non saranno eliminate del tutto come paventato nelle scorse settimane. Saranno bensì abbassate all’altezza di 1,10 metri.

Per contro, l’ammodernamento del servizio di sicurezza avverrà tramite il rafforzamento del sistema di videosorveglianza con nuove telecamere al centro delle curve. Al contempo, sarà rimodulata la presenza degli steward, anche perché la Curva rimarrà suddivisa in due parti e gli addetti dovranno evitare scavalcamenti. Infine, rimane invariato il sistema di afflusso tramite le bolle di pre-filtraggio e le vie di acceso ai due lati delle curve dello Stadio Olimpico.

stadio olimpico di Roma

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail