Pioli post Inter-Roma: "l'obiettivo è sempre la Champions"

La sconfitta di stasera è una di quelle che può far male al morale di una squadra. L'Inter aveva la grandissima occasione per portarsi a -3 dalla zona Champions League ed invece ha finito col perdere la partita ed anche due posizioni in classifica, restando a -6 dal terzo posto. A fine partita Pioli ha promosso nel complesso la prestazione dei suoi giocatori, che però sono mancati proprio nei momenti topici del match: "Questa sconfitta è uno stop che non volevamo subire: sapevamo che il nostro avversario era forte, ma la nostra prestazione sarebbe dovuta salire di un livello più alto. È stata un partita complicata, delicata, ma anche equilibrata: loro hanno sfruttato le palle gol create, mentre noi, che ne abbiamo avute altrettante, non ci siamo riusciti. La prestazione c’è stata e dobbiamo considerare lo spessore della Roma: il problema è che in queste partite le palle gol create vanno almeno in parte capitalizzate, perché difficilmente ti ricapitano. Loro l'hanno fatto, noi no".

Non ha proprio convinto la scelta di puntare sulla difesa a 3 pur non potendo contare sullo squalificato Miranda, leader indiscusso della retroguardia nerazzurra. Forse oggi sarebbe stato più saggio giocare con 4 difensori, eppure Pioli non sembra avere rimpianti per quanto riguarda questa scelta: "L'assenza di Miranda ha pesato, ma in campo avevamo giocatori ugualmente all'altezza di fare una buona gara. Nei gol presi, poi, la bravura di Nainggolan è stata evidente, anche se potevamo ugualmente gestire meglio la situazione. Per giocate, possesso e occasioni create penso ci sia stato equilibrio: è un peccato, ma ci sono ancora tante partite dobbiamo subito ripartire con determinazione".

Pioli ha anche ribadito che l'obiettivo della sua squadra resta sempre quello di puntare alla zona Champions: "Champions compromessa? Perdere è un brutto stop, ma mancano ancora 12 finali e dobbiamo cercare di vincerle tutte, imparando anche dagli errori commessi oggi. I discussi episodi arbitrali? Non commento. In conferenza stampa ho detto che nell'arco della stagione influiscono e basta. E anche il discorso sui rigori: ho semplicemente risposta a una domanda ammettendo che c’era differenza tra quelli dati alla Roma e quelli dati all’Inter. Nulla di polemico, poi qualcuno può interpretare come vuole.”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail