Gabbiadini: "Napoli? Nessun rimpianto, ma poteva finire meglio"

Manolo Gabbiadini ha avuto un impatto incredibile con il calcio inglese. È già arrivato a quota 5 gol dopo appena 3 presenze con la maglia del Southampton; uno ogni 49 minuti giocati. Ieri pomeriggio, poi, stava per entrare nella storia del suo nuovo club giocando una finale di Coppa di Lega da sogno. L'ex napoletano ha segnato 2 gol e gliene hanno anche annullato un altro ingiustamente. Alla fine il trofeo è andato allo United di Mourinho, ma di sicuro lui ha fatto vedere di essere in possesso di grandi qualità, da prima punta di razza. Ai microfoni di Sky Sport non ha nascosto la delusione per aver solo sfiorato il suo primo trofeo nel calcio d'oltremanica: "A Wembley è andata bene, ho fatto un'ottima partita e abbiamo giocato bene soprattutto a livello di squadra. Rimane però il rammarico, perché nonostante una partita dominata, hanno vinto loro".

Ovviamente Gabbiadini ha parlato anche del suo recente passato napoletano. L'avventura con i partenopei non si è chiusa nel migliore dei modi, anche perché lui non sentiva di godere della totale fiducia nell'allenatore. Gabbiadini adesso è concentrato solo sul presente e chissà che un domani non possa anche tornare in Italia dopo aver dimostrato di poter essere un titolare in una grande piazza: "È stata un'esperienza positiva, ho avuto la media gol di un gol ogni 125 minuti. Poteva finire meglio, ma non mi piango addosso, sono felice della scelta che ho fatto. Sono in Inghilterra, ma magari tra qualche anno ritorno. L'importante ore è far bene al Southampton e portare la squadra il più in alto possibile".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail