A scuola di ciclismo per sfuggire alla povertà di Città del Capo

Dopo la scuola, tanti ragazzi delle township disagiate di Città del Capo, in Sudafrica, si ritrovano all’Accademia di ciclismo Velokhaya, un’organizzazione no-profit che si occupa di programmi educativi per giovani attraverso il ciclismo. Si tratta di un luogo dove possono divertirsi e cimentarsi in varie discipline sulle due ruote, come mountain bike, Bmx e bici da strada.

L’Accademia di ciclismo Velokhaya è soprattutto un'occasione per passare del tempo insieme e stare lontani dalla povertà, dai pericoli e dalla criminalità e un modo per spingerli a continuare a studiare. I ragazzi si allenano in bicicletta, ma non solo: fanno esercizi in palestra per preparare meglio il fisico, si sfidano in varie competizioni, vengono coinvolti in attività di altro tipo e hanno uno spazio dove possono fare i compiti. Qui lo sport viene considerato una parte fondamentale dell'educazione.

Alcuni di questi ragazzi, però, sono riusciti anche a sfondare, e hanno avuto successo in gare internazionali. Superando oltre ogni aspettativa l'obiettivo puramente pedagogico.

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail