Post Juve-Milan: i rossoneri rischiano la stangata, ecco perché

Bacca, De Sciglio, Poli, Donnarumma e anche Galliani sotto la lente

Juventus-Milan potrebbe avere degli strascichi assai pesanti nei confronti del club rossonero e di alcuni suoi tesserati. Se n’era già anticipato qualcosa nell’immediato post-partita, ma con il passare delle ore le novità giunte sul caldissimo epilogo della gara, hanno disegnato un quadro diverso e assai più ampio. A scatenare la furia rossonera il rigore concesso per mani di De Sciglio su Lichtsteiner al 94’ e 18’’: il Milan ha contestato il prolungamento di recupero (da regolamento allungato di 30’’ per il rosso a Suso) e la volontarietà del mani del difensore rossonero, che i vertici dell’Aia oggi riferiscono essere da regolamento calcio di rigore.

Quello che è successo dopo è storia e secondo la ‘Gazzetta dello Sport’ di oggi, a rischiare la stangata è soprattutto Carlos Bacca, placato a fatica dall’ad Galliani, materializzatosi all’improvviso sul terreno di gioco, e dal tecnico Vincenzo Montella. Bacca avrebbe rivolto pesanti improperi al direttore di gara e ora rischia da due giornate di squalifica in su. Se si pensa che ad Icardi dopo Juve-Inter furono date 2 giornate, per acca ce ne dovrebbe essere almeno una in più.

Parole pesanti sarebbero state proferite anche da De Sciglio, Poli e Donnarumma, ma bisognerà attendere il referto degli arbitri. Di sicuro, saranno fermati Romagnoli e Suso, il primo giunto alla somma di ammonizioni, il secondo per doppio giallo. Attenzione anche a Galliani, che secondo la ‘rosea’ nel tunnel che porta agli spogliatoi dello Stadium si sarebbe lasciato andare a considerazioni forti nei confronti dell’arbitro. Quanto alle presunte o reali devastazioni dello spogliatoio, quella è una questione “privata” tra Milan e la Juventus, ma il club bianconero non sporgerà denuncia e non chiederà i danni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail