Tirreno-Adriatico 2017, sesta tappa: Gaviria batte Sagan in volata | Video

Sesto Elia Viviani.

A pochi giorni dalla Milano-Sanremo Fernando Gaviria ha fatto vedere che è pronto e ha vinto l’ultima tappa in linea della Tirreno-Adriatico 2017 da Ascoli Piceno a Civitanova Marche battendo in volata il campione del mondo Peter Sagan. Il giovane colombiano della Quick-Step Floors è stato bravissimo a restare a ruota del capitano della Bora Hansgrohe e poi a bruciarlo negli ultimi metri.

La fuga di giornata è partita al km 5 e ha avuto per protagonisti Ben Gastauer dell’AG2R La Mondiale, Davide Ballerini e Raffaello Bonusi della Androni Sidermec, Simone Andreetta e Mirco Maestri della Bardiani CSF, Alan Marangoni della Nippo Fantini e il finlandese Jonas Henttala della Novo Nordisk, a loro si è poi aggiunto, al km 10, Pavel Kotchekov della Katusha Alpecin.

Il vantaggio massimo è stato di circa 2’ 45”, ma a 500 metri dal gran premio della montagna a Pollenza, l’unico di giornata e l’ultimo di tutta la corsa (visto che domani c’è la crono), i battistrada sono stati fermati poiché il gruppo aveva perso tre minuti a un passaggio a livello. I direttori sportivi dei ragazzi in fuga si sono arrabbiati moltissimo, Ballerini e Marangoni hanno parlato direttamente con l’ammiraglia della giuria contestando non di essere stati fermati, ma di essere stati fermati proprio poco prima del gpm.

Ad ogni modo sul gpm Marangoni ha transitato davanti a Ballerini e quest’ultimo si è assicurato la Maglia Verde di Re della Montagna. In seguito il distacco tra battistrada e gruppo si è sempre contenuto intorno ai due minuti.

Kotchekov ha provato ad allungare due chilometri prima dello sprint intermedio di Recanati prendendosi un “cazziatone” da Marangoni e così hanno affrontato il traguardo volante a ranghi compatti, con il solo Henttala rimasto indietro. Ad aggiudicarsi lo sprint è stato Maestri, mentre il suo compagno Andreetta ha fatto da stopper sugli altri battistrada, lo stesso è successo all’ultimo traguardo volante, a Civitanova Marche. Maestri ha vinto in tutto otto sprint intermedi in questa Tirreno-Adriatico.

Dopo l’ultimo traguardo volante Maestri e Andreetta si sono ovviamente rialzati, avendo raggiunto il loro obiettivo, poco dopo è toccato anche a Bonus. Gli altri quattro sono rimasti in testa con un vantaggio di mezzo minuto.

Ai -9 km, sulla salita di Civitanova Alta, la fuga è stata annullata e si sono staccati alcuni corridori come Tom Boonen della Quick-Step Floors e Matteo Pelucchi che era l’uomo designato per lo sprint finale dalla Bora-Hansgrohe di Peter Sagan.

Ai -7 km ci sono stati diversi attacchi, di Vincenzo Nibali della Bahrain-Merida, di Fabio Felline della Trek-Segafredo che ha allungato con Niki Terpstra della Quick-Step Floors, a questo punto ha reagito Peter Sagan, ma quando si è mosso il campione del mondo è arrivato Fernando Gaviria a bloccarlo.

Su Terpstra e Felline sono arrivati Matej Mohoric della UAE Team Emirates e Mattia Cattaneo dell’Androni-Sidermec. Prima dei -3 km Mohoric è scivolato in curva e dunque in testa sono rimasti in tre con circa 150 metri di vantaggio. Superato il cartello dei -3 km Terpstra e Cattaneo si sono rialzati, poco dopo è stato ripreso anche Felline e si sono cominciati a formare i treni dei velocisti e Gaviria è così riuscito a battere Sagan. Al terzo posto si è piazzato Jasper Stuyven della Trek-Segafredo, mentre Elia Viviani è stato il migliore degli italiani con il suo sesto posto.

Gaviria batte Sagan

Questi i primi dieci oggi al traguardo:
Classifica sesta tappa Tirreno-Adriatico 2017

E queste le prime posizioni della classifica generale quando manca solo la crono di San Benedetto del Tronto:
Classifica generale della Tirreno-Adriatico 2017 dopo 6 tappe

  • shares
  • Mail