ATP Miami 2017: fuori Seppi e Lorenzi

Fabio Fognini è l’unico italiano ancora in gara.

Resta un solo italiano in gara a Miami, Fabio Fognini, che ieri ha ottenuto il pass per i sedicesimi di finale. Il tabellone femminile si è svuotato rapidamente delle azzurre in gara e oggi è toccato anche quello maschile, perché sono stati fatti fuori due dei nostri atleti in un solo giorno. Si tratta di Andreas Seppi e Paolo Lorenzi, usciti ai 32esimi di finale.

Seppi era entrato in scena già nel primo turno e aveva avuto la meglio in due set contro il moldavo Radu Albot, ma oggi, contro il lussemburghese Gilles Müller, numero 29 del ranking ATP e testa di serie numero 24 in questo torneo, per l’altoatesino sono stati fatali i due tie-break.

Intatti, nel match tra Seppi e Müller nessuno dei due ha mai ceduto il servizio. Nel primo set ci sono state soltanto quattro palle-break in tutto, tre per il lussemburghese nel settimo game e una per l’azzurro nel gioco successivo, mentre nel secondo set Müller ha avuto tre palle-break nel secondo game, poi ne ha concessa una nel quinto e un’altra nel settimo gioco, ma nessuna è mai stata messa a segno.

E così sono stati decisivi i tie-break. In quello del primo set Seppi ha ceduto la battuta tre volte, mentre Müller l’ha persa solo in un caso e quando era già avanti sul 5-2, così ha potuto chiudere sul 7-3. Nel tie-break del secondo set, invece, il tennista del Lussemburgo non ha mai perso il servizio, mentre ha avuto tre mini-break a suo favore, chiudendo cos sul 7-1.

Risultato finale: Müller b. Seppi 7-6(3), 7-6(1) in un’ora e 52 minuti.

Per quanto riguarda Lorenzi, che con la sua 37esima posizione nel ranking è il numero 1 degli azzurri, oggi ha affrontato il numero 65, il francese Adrian Mannarino, ma ha perso in tre set.

Nel primo parziale il transalpino è stato il primo a cedere il servizio, nel settimo game, ma ha immediatamente recuperato il break e poi ne ha ottenuto un altro strappando il servizio a Lorenzi sul 5-4 e dunque chiudendo sul 6-4 dopo aver sfruttato la seconda di due palle-set.

Nel secondo set, invece, Mannarino ha perso la battuta nel quinto e nel settimo game, ha recuperato un solo break nell’ottavo gioco, poi alo ha ceduto un’altra volta consentendo a Lorenzi di vincere il parziale 6-3 sfruttando la prima di due palle-set.

Nel terzo e decisivo set subito un break per il francese in apertura, poi due palle per il contro-break che Lorenzi non è riuscito a sfruttare, un’atra palla per rubare il servizio a Mannarino nel sesto gioco, anche questa non sfruttata, e il break, che si è rivelato decisivo, nel settimo game a favore del transalpino che è andato a servire per il match sul 5-2. Lorenzi è riuscito a ottenere due palle-break, ma Mannarino ha rimontato dal 15-40 e, ai vantaggi, ha ottenuto una palla-match e l’ha subito sfruttata.

Risultato finale: Mannarino b. Lorenzi 6-4, 3-6, 6-2 in due ore e sette minuti.

Negli altri campi, successo facile di Stan Wawrinka, testa di serie numero 1, contro Horacio Zeballos (6-3, 6-4 in un’ora e sei minuti), fuori invece la testa di serie numero 9, Grigor Dimitrov, battuto in due set da Guido Pella. Tra le altre teste di serie eliminate Albert Ramos-Vinolas (numero 19) dal ceco Jiri Vesely e Stve Johnson (numero 23) fatto fuori dal francese Nicolas Mahut.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail