Sampaoli: "Vorrei allenare Messi. L'Argentina non lo rispetta"

L'allenatore del Siviglia, Jorge Sampaoli, ha rilasciato un'intervista al giornale argentino Diario Olé parlando del suo momento professionale, così come del calcio in generale. Non poteva non arrivare una domanda su Lionel Messi, un giocatore che il tecnico argentino sogna di allenare: "Mi piacerebbe allenarlo, per poterlo vedere tutti i giorni. Sarebbe un sogno averlo a disposizione sempre. Chi non vorrebbe gestirlo? Se si dà la possibilità di essere felice ad un giocatore tanto determinante, si avrà il 95% di probabilità che la partita sarà risolta. Un po' come accadeva con Maradona quando stava bene. È molto difficile che una squadra perda quando Leo è in forma".

Quella di Sampaoli sembra quasi una candidatura alla panchina del Barcellona, ancora vacante in vista del prossimo anno dopo il già annunciato addio di Luis Enrique. Il Siviglia si prepara infatti ad una rivoluzione con l'addio del DS Monchi - destinato alla Roma - che potrebbe indurre anche il tecnico argentino a fare le valige. La destinazione Barcellona sarebbe, ovviamente, più che gradita per un tecnico ambizioso come Sampaoli, già apprezzato anche nel ruolo di commissario tecnico del Cile.

Sempre nel corso dell'intervista, il vulcanico Sampaoli ha anche criticato apertamente il suo Paese e la sua federazione di appartenenza per il mancato sostegno a Messi: "Mi dispiace che il mio paese non lo rispetti e che la nazionale non lo valorizzi come merita. Abbiamo avuto il miglior giocatore del suo tempo, ora abbiamo il miglior giocatore in attività e sembra che invece non vogliamo sfruttarlo"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail