Roma, Spalletti ribadisce: "Se non vinco, vado via"

Luciano Spalletti è tornato a parlare del suo futuro alla vigilia della partita contro l'Empoli, in programma domani sera all'Olimpico alle ore 20:45. Il tecnico ha parlato del probabile arrivo nella Capitale di Monchi, ex Ds del Siviglia che ieri si è liberato dal legame con il club andaluso. Sull'argomento Spalletti si è detto all'oscuro di tutto: "Io non so niente, non ho parlato con la società in riferimento a Monchi. Il mio ds è Massara, bisogna avere rispetto per lui adesso perchè è una persona squisita. Capisce determinati momenti, disperdere le sue qualità non sarebbe ideale per la Roma. L'incontro con Pallotta? Abbiamo parlato di tante cose, gli ho detto di persona quello che dico sempre. Quello che mi ha detto lui, bisogna chiederlo a lui perché io non faccio la spia. L’organigramma della società non lo decido io, a me interessa la partita di domani. Niente deviazioni".

La priorità della sua Roma è vincere domani sera, guadagnando punti sia sul Napoli che sulla Juventus in vista del big match di domenica sera che vedrà coinvolte le due rivali. Spalletti seguirà la partita, ma non farà il tifo per nessuna delle due: "Io ho molti difetti ma ho una dote, non gufo nessuno e non guardo le cose tentando di metterci il malocchio addosso. Devo lavorare in maniera professionale, devo fare il mio fatto bene. Guarderò la partita attentamente e mi gusterò lo spettacolo. Se posso ci andrò di persona". Spalletti dunque non 'gufa', ma non cambia neanche idea sul suo futuro, assolutamente legato alla vittoria di un trofeo: "Io, se non vinco, non rimango. Vincere intendo un titolo".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail