Giro dei Paesi Baschi 2017: per Valverde tappa regina e maglia | Video

Sul podio di giornata anche Romain Bardet e Rigoberto Uran.

Alejandro Valverde conferma il suo straordinario stato di forma di questo inizio di stagione andando a vincere con estrema facilità la tappa regina del Giro dei Paesi Baschi ad Arrate, davanti a Romain Bardet dell’AG2R La Mondiale e Rigoberto Uran della Cannondale-Drapac. Il capitano della Movistar è ora anche leader della classifica generale quando manca una sola tappa, la cronometro individuale di domani.

Anche se gli attacchi ci sono stati fin subito dopo il via, la fuga ci ha messo oltre dieci chilometri a partire ed è stata inizialmente composta da ben diciotto corridori: Omar Fraile, Benjamin King e Adrien Niyonshuti della Dimension Data, Amaël Moinard e Danilo Wyss della BMC, Matej Mohoric e Kristijan Durasek dell’UAE Team Emirates, Alexey Lutsenko dell’Astana, Tiago Machado della Katusha-Alpecin, Juan José Lobato della LottoNL-Jumbo, Laurens Ten Dam del Team Sunweb, Matthias Le Turnier e Yoann Bagot della Cofidis, Maxime Monfort della Lotto Soudal, Alex Howes e Toms Skujins della Cannondale-Drapac, Matteo Montaguti dell’AG2R La Mondiale e Lluis Mas della Caja Rural.

Sul gpm di Pagatza Elgeta è rimasto indietro Niyonshuti, mentre Montaguti è stato il primo a scollinare. Dopo la discesa si è staccato anche Machado, che è stato ripreso dal gruppo al km 66, mentre Fraile ha allungato in testa guadagnando qualche metro di distacco e ha proseguito la fuga da solo, Ten Dam si è lanciato al suo inseguimento mentre tutti gli altri sono stati ripresi dal gruppo. Fraile si è aggiudicato il gpm di Izua e poco dopo è stato raggiunto da Ten Dam, ma il loro vantaggio sul plotone, a 55 km dal termine, era solo di una ventina di secondi e sono stati inevitabilmente ripresi anche loro con ancora più di 50 km da percorrere.

Il gruppo ha proceduto compatto per un po’, Howes davanti a Rubén Plaza e Michael Albasini dell’Orica-Scott, è riuscito ad aggiudicarsi il gpm di Trabakua, poi ancora tutti insieme anche in discesa, ovviamente in fila indiana con l’Orica-Scott in testa. Anche sul secondo passaggio sul gpm di Izua il gruppo è arrivato compatto, anche se perdendo per strada qualche elemento.
La tappa è proseguita nella noia più totale con il gruppo allungato guidato dalla squadra australiana per molti chilometri. Ai -11 km è arrivata in testa anche la Movistar, ma sempre tenendo un ritmo abbastanza blando.

Finalmente, sull’ultima salita, a 5 km dal traguardo, ha attaccato Michael Woods della Cannondale-Drapac e su di lui si sono riportati in tre, cioè Valverde, Contador ed Henao. Il capitano della Movistar ha attaccato a più riprese, nel frattempo altri corridori sono riusciti a rientrare sul gruppetto di testa. A questo punto, ai -4 km, è ripartito Woods e su di lui si è riportato Meintjes, ma nel frattempo da dietro ha attaccato di nuovo Valverde e ha portato con sé anche Uran, Contador e Bardet, che hanno raggiunto i due in testa a poco più di 2 km dal termine.

A 1,2 km dal traguardo ha attaccato Romain Bardet dell’AG2R La Mondiale, ma Valverde gli ha risposto immediatamente, nel frattempo Samuel Sanchez della BMC, provando ad attaccare, è caduto da solo. Valverde ha lanciato una lunghissima volata e ha vinto senza neanche faticare negli ultimi metri.

Valverde Giro dei Paesi Baschi 2017

Questi i primi dieci al traguardo della quinta e penultima tappa:
1) Alejandro Valverde (Movistar) 3h 26’ 32”
2) Romain Bardet (AG2R La Mondiale) s.t.
3) Rigoberto Uran (Cannondale-Drapac) s.t.
4) Michael Woods (Cannondale-Drapac) s.t.
5) Louis Meintjes (UAE Team Emirates) s.t.
6) Alberto Contador (Trek-Segafredo) +3”
7) Ion Izaguirre (Bahrain-Merida) +15”
8) Sergio Henao (Team Sky) +15”
9) Simon Yates (Orica-Scott)+15”
10) David De La Cruz (Quick-Step Floors) +22”

E queste le prime posizioni della classifica generale quando manca solo la crono finale:
1) Alejandro Valverde (Movistar) 20h 05’ 18”
2) Rigoberto Uran (Cannondale-Drapac) s.t.
2) Romain Bardet (AG2R La Mondiale) s.t.
4) Louis Meintjes (UAE Team Emirates) s.t.
5) Michael Woods (Cannondale-Drapac) s.t.
6) Alberto Contador (Trek-Segafredo) +3”
7) Ion Izaguirre (Bahrain-Merida) +15”
8) Sergio Henao (Team Sky) +15”
9) David De La Cruz (Quick-Step Floors) +19”
10) Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe) +22”

  • shares
  • Mail