Tour of the Alps 2017, prima tappa: vittoria e maglia per Michele Scarponi! | Video

Il capitano dell’Astana ha bruciato Geraint Thomas e Thibaut Pinot.

Uno straordinario Michele Scarponi ha conquistato la prima tappa del Tour of the Alps 2017 (nuovo nome del Giro del Trentino) grazie a uno strepitoso finale in cui è riuscito a resistere al tentativo di rimonta di Geraint Thomas del Team Sky e di Thibaut Pinot della FDJ. Il capitano dell’Astana dà un bel messaggio alla sua squadra in vista del Giro d’Italia, visto che proprio lui dovrebbe colmare il vuoto lasciato da Fabio Aru a causa dell’infortunio al ginocchio. Scarponi è ovviamente il primo leader della classifica generale, mentre il vincitore uscente, Mikel Landa del Team Sky, è a +26” di ritardo.

Tanto freddo, ma per fortuna niente pioggia né neve stamane alla partenza. La fuga ci ha messo molto a partire, quasi 50 km, inizialmente se ne è formata una composta da cinque uomini, che tuttavia sono stati tutti ripresi sul primo gpm di giornata, ai cui piedi erano arrivati con appena un minuto di vantaggio.

In seguito c’è stato un attacco di Alexander Foliforov della Gazprom-RusVelo, anch’egli ripreso, poi è toccato a una fuga un po’ più fortunata, di tre uomini: Francesco Gavazzi dell’Androni Giocattoli, Iuri Filosi della Nippo-Vini Fantini e Matthias Krizek della Tirol Cycling Team. Questo terzetto aveva due minuti di vantaggio a poco più di 30 km dal termine.

Ai -25 km davanti sono rimasti solo Gavazzi e Filosi, perché Krizek ha avuto un problema meccanico e ha dovuto cambiare bici. I due al comando avevano un minuto di vantaggio e nel frattempo dal gruppo sempre più assottigliato si è staccato Nathan Brown della Cannondale-Drapac, che si è lanciato all’inseguimento della coppia di testa, restando a lungo in sospeso tra la fuga e il plotone, ma è stato poi ripreso e gli uomini del Team Sky lo hanno anche “costretto” a fare l’andatura per un po’.

Filosi e Gavazzi hanno proceduto di comune accordo, tanto che il corridore dell’Androni Giocattoli ha anche atteso il collega della Nippo-Vini Fantini quando questi ha sbagliato una curva.

Superato il cartello dei -10 km, Iuri Filosi ha allungato ed è rimasto da solo al comando, mentre Gavazzi si è rialzato per farsi riprendere dal gruppo. Ai -5km il vantaggio del trentino sul gruppo, sempre trainato dal Team Sky, era di 13”, ma meno di un chilometro dopo, quando in testa al plotone si è presentata la BMC, si è dovuto arrendere.

Il Team Sky ha messo Kenny Ellissonde a dettare un ritmo molto serrato all’inizio della salita, poi ai -1,8 km in testa alla corsa sono cominciati gli attacchi, Mendes della Bora-Hansgrohe è riuscito ad allungare di qualche metro, ma accorgendosi di avere Domenico Pozzovivo dell’AG2R La Mondiale alla ruota ha mollato subito. In contropiede ci ha provato il 52, Danilo Celano della selezione italiana ha chiuso, ma ai -1,2 km ha attaccato Geraint Thomas e alla sua ruota sono arrivati Pozzovivo, Scarponi e Mattia Cattaneo dell’Androni Giocattoli. A 500 metri dal termine sono arrivati altri uomini sul gruppetto, cioè Davide Formolo della Cannondale e Thibaut Pinot della FDJ, Pozzovivo è partito troppo presto e alla fine è stato Scarponi ad avere la meglio.

Questi i primi dieci al traguardo della prima tappa da Kufstein a Innsbruck/Hungerburg (142,3 km):
1) Michele Scarponi (Astana) 3h 32’ 15”
2) Geraint Thomas (Team Sky) +4”
3) Thibaut Pinot (FDJ) +6”
4) Davide Formolo (Cannondale-Drapac) +10”
5) Domenico Pozzovivo (AG2R La Mondiale) +10”
6) Dario Cataldo (Astana) +10”
6) Mattia Cattaneo (Androni-Giocatoli) +14”
8) Hugh Carthy (Cannondale-Drapac) +17”
9) Rohan Dennis (BMC) +20”
10) Damiano Caruso (BMC) +20”

Le prime posizioni della classifica generale sono identiche. Alexander Foliforov è il primo re della montagna.

  • shares
  • Mail