Monchi: "Roma, ci sono i presupposti per fare bene"

Ramon Rodriguez Verdejo, conosciuto dai più come Monchi, ha rilasciato una lunga intervista a Roma TV, l’emittente ufficiale del club giallorosso. Solo un paio di giorni fa c’è stata la presentazione ufficiale del nuovo capo dell’area tecnica, che raccoglie l’eredità da un certo Franco Baldini. Dopo aver lasciato il Siviglia, Monchi ha ricevuto numerose proposte, ma alla fine ha scelto quella di James Pallotta. Ora, però, i tifosi si aspettano tanto da lui: la Roma è stanca di secondi e terzi posti, si sogna finalmente di arrivare al vertice del calcio italiano e di quello europeo.

"Ho molta voglia di ricambiare l’affetto e l’interesse che presidente - ha esordito il nuovo direttore sportivo - , club e dirigenti hanno mostrato nei miei confronti e molta voglia di iniziare a lavorare e a costruire la migliore Roma possibile".

Monchi ha firmato con la Roma un contratto di quattro anni con opzione per il quinto e la proprietà del club capitolini si aspetta da lui quanto già fatto a Siviglia: ossia squadre forti pur rimanendo attenti al bilancio. Dopo aver preso confidenza con il centro tecnico di Trigoria, il ds ha seguito la squadra nella trasferta di Pescara e stamane era già nuovamente al lavoro per fare il punto della situazione con Gandini, Baldissoni e Massara.

"Prometto lavoro e dedizione. Non riposerò neanche un secondo per raggiungere gli obiettivi che tutti abbiamo in mente. La pianificazione del lavoro è molto importante - aggiunge il dirigente spagnolo, ex portiere -. L'obiettivo è cercare di consolidare la Roma non soltanto ai vertici del calcio italiano, dove già si trova, ma anche nell'élite del calcio europeo".

Tra i nodi principali da sciogliere ora c’è quello dell’allenatore, che incontrerà con ogni probabilità domani (oggi Spalletti ha concesso ai suoi un giorno di riposo) e il prolungamento di Daniel De Rossi.

"La Roma è un club che a mio avviso si adatta perfettamente al mio modo di lavorare. Un club che vuole crescere, ambizioso e che vuole lottare per traguardi importanti, una città magnifica, una tifoseria molto importante. Credo che ci siano tutti i presupposti per poter lavorare bene. Al Siviglia abbiamo costruito, con il contributo di tutti, un modello che è cresciuto gradualmente e che ha raggiunto risultati inimmaginabili. Credo che la Roma abbia già costruito molto, bisogna però continuare a costruire e sono convinto che con una buona programmazione, con le persone e le infrastrutture di cui la Roma è dotata, si possano raggiungere obiettivi importanti”, conclude Monchi.

monchi roma

  • shares
  • Mail