Giro di Romandia 2017: a Roglic l’ultima tappa, a Porte la generale, Felline 4°

L’australiano ha superato Simon Yates che aveva vinto la tappa regina.

Richie Porte è il vincitore del Giro di Romandia 2017 grazie a un’ottima crono individuale a Losanna, che gli ha permesso di superare in classifica generale Simon Yates dell’Orica-Scott, che ieri lo aveva battuto sul traguardo della frazione regina. L’australiano della BMC non ha messo la ciliegina sulla sua torta, ossia una vittoria di tappa, perché oggi si è dovuto inchinare a uno strepitoso Primoz Roglic, lo sloveno del Team LottoNL-Jumbo che si è confermato uno dei più forti al mondo nella corsa contro il tempo.

Una bella conferma è arrivata anche da Fabio Felline, l’italiano della Trek-Segafredo, che, dopo aver vinto il cronoprologo e aver difeso la Maglia di leader per quattro giorni, oggi si è piazzato quinto nella crono di 18,3 km, a 34” da Roglic, ma praticamente con lo stesso tempo di Tejay Van Garderen della BMC e Ion Izagirre della Bahrain Merida (terzo e quarto) e ha difeso il quarto posto in classifica generale. Proprio Roglic, grazie al successo di oggi, sale sul podio, al terzo posto, dietro a Porte e a Simon Yates.

I distacchi finali vedono Porte primo con 21” su Yates e 26” su Roglic, mentre il ritardo finale di Felline è di 51”, tutti gli altri sono oltre il minuto di distacco. Uno degli osservati speciali è stato senza dubbio Chris Froome del Team Sky, che quest’anno ha centellinato le sue presenze nelle corse e si sta preparando al Tour de France: oggi il keniano bianco è arrivato nono a 46” da Roglic, mentre in classifica generale è 18° a +1’ 55”.

Per quanto riguarda gli italiani, oltre a Felline che è stato il migliore, c’è da annotare il 13° posto in classifica generale di Diego Ulissi dell’UAE Team Emirates a +1’ 40” da Porte. Il toscano è inoltre sesto nella classifica del re della montagna vinta da Armée Sander della Lotto-Soudal, che è stato grande protagonista delle fughe nelle tappe in linea.

La classifica a punti è stata vinta da Stefan Küng ella BMC davanti ad Alexander Edmonson dell’Orica Scott e a Sonny Colbrelli della Bahrain-Merida, nella stessa classifica troviamo Felline quarto e Ulissi quinto. Il francese Pierre Latour dell’AG2R La Mondiale si è aggiudicato la classifica dei giovani, mentre la Movistar è stata la migliore squadra.

Questi i primi dieci della cronometro conclusiva a Losanna:
1) Primoz Roglic (Team LottoNL-Jumbo) 24’ 58”
2) Richie Porte (BMC) +8”
3) Tejay Van Garderen (BMC) +34”
4) Ion Izagirre (Bahrain Merida) +34”
5) Fabio Felline (Trek-Segafredo) +34”
6) Andrey Amador (Movistar) +35”
7) Jonathan Castroviejo (Movistar) +41”
8) Lennard Kämna (Team Sunweb) +42”
9) Chris Froome (Team Sky) +46”
10) Ilnur Zakarin (Team Katusha-Alpecin) +46”

E queste le prime dieci posizioni della classifica generale finale:
1) Richie Porte (BMC) 17h 16’ 00”
2) Simon Yates (Orica-Scott) +21”
3) Primoz Roglic (Team LottoNL-Jumbo) +26”
4) Fabio Felline (Trek-Segafredo) +51”
5) Ion Izagirre (Bahrain Merida) +1’ 03”
6) Tejay Van Garderen (BMC) +1’ 16”
7) Wilco Kelderman (Team Sunweb) +1’ 21”
8) Bob Jungles (Quick-Step Floors) +1’ 22”
9) Jesús Herrada (Movistar) +1’ 22”
10) Emanuel Buchmann (Bora-Hanserohe) +1’ 24”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail