Giro d’Italia 2017, Michele Scarponi ricordato durante la presentazione delle squadre

È stato presentato come capitano dell’Astana. La sua bici sarà in corsa.

La presentazione ufficiale delle squadre che da domani lotteranno sulle strade del Giro d’Italia 2017, il Giro del Centenario, si è svolta oggi ad Alghero, da dove domani partirà la prima tappa, ed è cominciata con il toccante ricordo di Michele Scarponi.

L’Astana, infatti, è stata presentata per prima e Scarponi è stato presentato per ultimo, perché sarebbe stato il capitano. Quando è stato pronunciato il suo nome i compagni hanno alzato un braccio al cielo per ricordarlo, il pubblico ha cominciato a urlare “Michele, Michele”, poi è partito un video preparato da RCS Sport, con un montaggio delle sue partecipazioni al Giro con le diverse maglie e una delle ultime interviste rilasciate durante la corsa rosa a Gazzetta Tv.

Particolarmente emozionanti le immagini delle vittorie di Scarponi al Giro, dai primi successi con la maglia dell’Androni-Giocattoli fino allo sforzo dello scorso anno con quella dell’Astana, quando si aggiudicò la Cima Coppi (Colle dell’Agnello) nella frazione in cui poi si fermò per aiutare Vincenzo Nibali a conquistare il suo secondo Giro. E in chiusura del video l’abbraccio affettuoso tra l’Aquila di Filottrano e lo Squalo dello Stretto.

Ricordiamo che Michele Scarponi con la Lampre ha vinto il Giro d’Italia 2011 a tavolino, dopo la squalifica di Alberto Contador. I suoi successi di tappa, tutti con l’androni, sono stati: nel 2009 nella sesta (Bressanone-Mayrhofen) e diciottesima tappa (Sulmona-Benevento), nel 2010 nella diciannovesima tappa (Brescia-Aprica).

Scarponi ha partecipato al Giro d’Italia ben undici volte, oltre alla vittoria nel 2011 e ai ritiri nel 2006 e nel 2014, si è classificato tre volte quarto (nel 2010, 2012 e 2013), 15° nel 2003, 16° nel 2016, 18° nel 2002 (alla prima partecipazione), 32° nel 2009 e 47° nel 2005.

Per tutto il Giro d’Italia 2017 la bici di Michele Scarponi sarà in corsa con l’ammiraglia dell’Astana e con il numero a lui destinato, il 21. Sarà ricordato anche domani alla partenza, poi nella tappa numero 16 con la salita del Mortirolo a lui dedicata e all’arrivo a Milano, quando sarà premiato il corridore che passerà per primo al gpm del Mortirolo.

  • shares
  • Mail