Giro d’Italia 2017, tappa 6: Dillier batte Stuyven a Terme Luigiane | Video

Bob Jungels resta in Maglia Rosa.

Silvan Dillier della BMC ha vinto la sesta tappa del Giro d'Italia 2017 da Reggio Calabria a Terme Luigiane battendo in un testa a testa finale Jasper Stuyven della Trek-Segrafredo. I due sono stati protagonisti della fuga di giornata con Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe), la prima Maglia Rosa di questo Giro, Mads Pedersen compagno di Stuyven e Simone Andreetta (Bardiani-CSF).
Il gruppo non è riuscito a riprenderli e così i due di loro più forti e resistenti sono riusciti a giocarsi la vittoria. La Maglia Rosa resta sulle spalle di Bob Jungels della Quick-Step Floors.

Questi i primi dieci al traguardo:
Classifica sesta tappa Giro d'Italia 2017

Il racconto della sesta tappa


  • 16:45

    Pöstlberger è terzo, Andreetta quarto, mentre Michael Woods della Cannondale-Drapac ha vinto lo sprint del gruppo che ha tardato 39". Tutti gli uomini di classifica sono arrivati insieme.

  • 16:45

    Bravissimo Silvan Dillier della BMC, ma Stuyven ha davvero buttato via un'occasione e soprattutto ha sprecato il grandissimo lavoro fatto per tutto il giorno dal suo compagno Mads Pedersen.

  • 16:44

    Stuyven ha reagito, ma non è riuscito a battere Dillier che si aggiudica la tappa!

  • 16:44

    Pöstlberger non ce la fa!

  • 16:43

    Parte Dillier!

  • 16:43

    Davvero lunga questa fase di studio, ma il problema è che la strada è in leggera salita e dunque i tre faticano.

  • 16:42

    Andreetta ha ancora qualche metro di vantaggio sul gruppo, ma è dietro i tre in testa che ora hanno rallentato e si studiano tra loro.

  • 16:41

    Meno un chilometro e mezzo per Dillier, Pöstlberger e Stuyven hanno ancora 1' 30" di vantaggio, la vittoria di tappa sarà una questione tra loro tre.

  • 16:35

    Dillier e Pöstlberger riescono a rispondere, Adreetta no. Pedersen ormai ha finito il suo lavoro.

  • 16:35

    Stuyven attacca!

  • 16:32

    -7 km e ancora 2' 03" di vantaggio per i fuggitivi trainati da Pedersen che lavora per il suo compagno Stuyven.

  • 16:30

    Ultimi 10 km e il distacco è di 2' 38".

  • 16:21

    Solo 15 km al traguardo e i battistrada hanno ancora 2' 58" di vantaggio. Si fanno sempre più concrete per loro le possibilità di giocarsi la vittoria in cinque.

  • 16:13

    Pedersen aveva perso contatto con gli altri quattro battistrada in salita, ma ora, in discesa, è tornato con loro.

  • 16:11

    Pöstlberger ha transitato per primo al gpm di Fuscaldo davanti a Dillier e Andreetta.

  • 16:09

    Ora si è messa anche la Quick-Step Floors a tirare e il gap è sceso a 3' 35". I cinque battistrada sono mezzo chilometro dal gpm.

  • 15:55

    Ai -33,9 km il distacco è ancora di 4' 22".

  • 15:33

    Siamo a 51 km dal termine e il distacco è di 5' 05". Ricordiamo ancora una volta i nomi dei cinque battistrada:

      Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe)
      Mads Pedersen e Jasper Stuyven (Trek-Segafredo)
      Simone Andreetta (Bardiani-CSF)
      Silvan Dillier (BMC)

  • 15:19

    Scinto sottolinea anche che ora i battistrada possono arrivare in fuga fino alla fine, perché sono ottimamente assortiti e hanno un buon distacco oltre che il vento a favore.

  • 15:18

    Luca Scinto della Wilier Triestina è davvero arrabbiato nero con i suoi corridori perché non sono riusciti a entrare in fuga. Ora tutte le loro strategie sono saltate. Puntavano a questa frazione con Pozzato e con Busato fin dall'inizio del Giro.

  • 15:10

    Ai -70 km il gap si è stabilizzato a 5' 48". Il gruppo va veloce, ma non riesce a recuperare terreno perché anche i battistrada vanno forte, a una velocità tra i 50 e i 60 km/h.

  • 15:03

    Quando siamo ai -75 km dal termine il distacco è di 5' 38".

  • 14:52

    I battistrada, invece, sono in una zona in cui hanno il vento a favore e hanno registrato addirittura una velocità di 70 km/h.

  • 14:52

    In questo momento il gruppo sta passando nella zona del rifornimento fisso.

  • 14:50

    Il gruppo in questa fase è trainato soprattutto da Cannondale-Drapac e Wilier Triestina. Per questi ultimi il ds Luca Scinto ha spiegato che è "una punizione" (stare in testa al gruppo) perché non sono riusciti a entrare nella fuga di giornata.

  • 14:46

    Ai -91 km i battistrada hanno sempre 5' 58" di vantaggio. Ricordiamo i loro nomi:

      Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe)
      Mads Pedersen e Jasper Stuyven (Trek-Segafredo)
      Simone Andreetta (Bardiani-CSF)
      Silvan Dillier (BMC)

  • 14:31

    Il gruppo è in netto recupero, ora il distacco è di 5' 58".

  • 14:03

    Stuyven primo anche al secondo sprint intermedio.

  • 13:53

    Jasper Stuyven si è aggiudicato il traguardo volante di Mileto.

  • 13:30

    Il gap sale a 8' 30".

  • 12:57

    Mentre il distacco è salito a 7' 32", nella prima ora di corsa si è registrata una media oraria di 38,4 km/h. Intanto Andreetta si è aggiudicato il gpm di Barritteri.

  • 12:30

    I cinque battistrada hanno già quattro minuti di vantaggio sul gruppo.

  • 12:25

    I due gruppi si sono ricongiunti, quindi abbiamo cinque uomini in fuga:

      Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe)
      Mads Pedersen e Jasper Stuyven (Trek-Segafredo)
      Simone Andreetta (Bardiani-CSF)
      Silvan Dillier (BMC)

  • 12:12

    All’inseguimento di Pöstlberger e Stuyven ora ci sono soltanto Simone Andreetta della Bardiani-CSF e Silvan Dillier della BMC.

  • 12:07

    Intanto c'è stata una caduta, ma per fortuna nessuna grave conseguenza.

  • 12:05

    Ci sono stati diversi tentativi di contrattacco, anche uno di Nicola Boem della Bardiani-CSF, ma sono stati tutti ripresi.

  • 11:55

    All’attacco ci sono Lukas Pöstlberger della Bora-Hansgrohe, che ricordiamo per essere stato la prima Maglia Rosa di questo Giro 100 grazie alla vittoria a Olbia, Mads Pedersen e Jasper Stuyven della Trek-Segafredo, che è uno dei favoriti di oggi ed è molto strano che voglia attaccare fin da subito.

  • 11:50

    Ci sono subito attacchi in testa al gruppo. Vi comunicheremo la composizione della fuga appena si sarà formata.

  • 11:45

    È stato dato in questo momento il via ufficiale alla corsa dopo il tratto di trasferimento.

Presentazione della tappa Reggio Calabria-Terme Luigiane


Il Giro d’Italia 2017 lascia le isole con la tappa di oggi, la sesta, che porterà i corridori da Reggio Calabria a Terme Luigiane, lungo un percorso di 217 km in totale, che non dovrebbe mettere in difficoltà la Maglia Rosa Bob Jungels della Quick-Step Floors.

La frazione odierna presenta due gran premi della montagna, il primo a Barritteri, al km 38,6, di terza categoria, il secondo e ultimo a Fuscaldo, al km 193,3, di quarta categoria.

I primi 190 km sono su strada statale con carreggiata ampia e alcuni tratti a scorrimento veloce. I due traguardi volanti sono piuttosto vicini l’uno all’altro: il primo è a Mileto, al km 79,2, il secondo a Vibo Valentia, al km 91,4.

La discesa da Fuscaldo termina ai -15 km, c’è un tratto di carreggiata separata di circa 600 metri, poi una discesa a tornanti fino ai -4 km. Negli ultimi 2 km c’è una salita con una pendenza media del 5,3% su strada ampia, nell’ultimo chilometro la pendenza sale ed è tra il 5 e il 10%. Il rettilineo finale è di 500 metri, in salita, su strada con fondo asfaltato larga 6 metri.

È dunque una tappa per ruote veloci sì, ma capaci di resistere sugli strappetti. Tra gli italiani l’uomo più adatto al percorso potrebbe essere Sacha Modolo dell’UAE Team Emirates, ma anche Pippo Pozzato della Willier Triestina, Enrico Gasparotto della Bahrain-Merida, Enrico Battaglin della LottoNL-Jumbo, Kristian Sbaragli della Dimension Data o Matteo Montaguti dell’AG2R la Mondiale.

Tra gli stranieri, invece, oltre a tenere d’occhio i soliti velocisti che potrebbero comunque reggere al finale in leggera salita, da Fernando Gaviria (Quick-Step Floors) ad André Greipel (Lotto-Soudal) fino a Caleb Ewan (Orica-Scott) che è ancora a secco di vittorie, sono da prendere più seriamente in considerazione Jasper Stuyven della Trek-Segafredo, Nathan Haas della Dimension Data, ma anche uno come Geraint Thomas del Team Sky.

La tappa si può guardare come ogni giorno in diretta tv su RaiSport+HD e poi, dalle 14, su Raidue e su Eurosport, mentre in streaming si può seguire tramite il sito web ufficiale di RaiSport, RayPlay ed Eurosport Player. Qui su Blogo potrete leggere il nostro liveblogging.

Reggio Calabria-Terme Luigiane: altimetria e planimetria


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail