Giro d’Italia 2017, Quintana: “Ci abbiamo provato in tutti i modi, ma Dumoulin si è difeso alla grande”

Il colombiano ha parlato al termine della diciottesima tappa.

Nairo Quintana è deluso dalla tappa di oggi, la diciottesima da Moena a Ortisei, vinta da Tejay Van Garderen della BMC. Il colombiano nelle interviste post-gara è stato più diplomatico di Vincenzo Nibali, forse perché non aveva ancora sentito le dichiarazioni di Tom Dumoulin che, effettivamente, sta tirando un po’ troppo la corda.

Il capitano della Movistar, che con la sua squadra oggi aveva impostato una buona tattica, ha detto:

“Oggi abbiamo tentato di staccare Dumoulin in ogni modo. Ci siamo mossi con la squadra e abbiamo fatto il possibile ma Tom si è difeso alla grande. I miei dati sono buoni, lo dice anche il computerino, ma anche i rivali vanno forte. Domani sarà comunque una tappa diversa e proveremo a fare ancora qualcosa”

Quintana, come Dumoulin e Nibali, oggi è arrivato al traguardo con 1’ 06” di ritardo rispetto al vincitore Van Garderen e al secondo classificato Mikel Landa del Team Sky, ma sopratutto ha perso quasi un minuto di vantaggio rispetto a Thibaut Pinot della FDJ e Domenico Pozzovivo dell’AG2R La Mondiale e oltre mezzo minuto rispetto a Ilnur Zakarin del Team Katusha-Alpecin.

Attualmente, dunque, Dumoulin ha sempre 31” di vantaggio su Quintana, 1’ 12” su Nibali, ma 1’ 36” su Pinot (ieri era 2’ 38”), 1’ 58” su Zakarin (ieri era 2’ 40”) e 2’ 07” su Pozzovivo (ieri era 3’ 05”). Anche gli olandesi Bauke Mollema della Trek-Segafredo e Steven Kruijswijk del Team LottoNL-Jumbo oggi sono arrivati prima della Maglia Rosa, ma dovrebbero comunque restare fuori dai giochi per il podio.

Nibali, che si è fatto portavoce di quello che molto probabilmente è anche il pensiero di Quintana, ha giustamente sottolineato come per loro due arrivare secondi o quarti non faccia alcuna differenza, perché puntano a vincere, per questo non hanno chiuso i buchi oggi creati dagli uomini di classifica che inseguono.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail