Giro d'Italia 2017, Pinot ci crede: "il Giro non è finito"

A lottare per la vittoria della classifica generale c'è anche lui: Thibaut Pinot. Il capitano della FDJ anche oggi è riuscito a rosicchiare secondi preziosi agli altri big e a due tappe dalla conclusione è a soli 53" dalla Maglia Rosa, passata oggi a Nairo Quintana. Il francese ha vissuto una terza settimana da favola; basti pensare che sabato scorso, dopo la tappa di Oropa, accusava un ritardo di 3'25" dal primo posto della classifica.

Pinot è uno che sa farsi valere nelle prove contro il tempo, quindi ora si trova in una situazione ottimale perché è perfettamente in grado di recuperare l'attuale ritardo da Quintana e Nibali nell'ultima tappa di questo Giro. Il ritardo da Dumoulin, in tal senso, rappresenta un problema che però, potenzialmente, potrebbe risolversi domani nella 20esima tappa da Pordenone ad Asiago. Sicuramente la Movistar di Quintana cercherà di guadagnare altri secondi sull'olandese e punterà a fare lo stesso nei confronti di Pinot.

La differenza tra Dumoulin e Pinot sta nel fatto che il francese è proprio il corridore che ha dimostrato di stare meglio negli ultimi giorni. Il transalpino è pronto alla lotta: “Per me è stata una buona giornata. Mi sentivo bene. Sono contento di aver fatto bene, decisamente il Giro non è finito. Un risultato come questo dà fiducia, soprattutto dopo una tappa come questa. Ho dormito bene e ho recuperato bene. Con le sensazioni che avevo in questi giorni, sapevo che appena mi sarei ripreso sarebbe andata bene. Mi batterò. Il podio è il mio obiettivo dall’inizio e continuerò a provarci. Dumoulin sappiamo che è forte, ma per il podio ci sono”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail