Juve-Real, Del Piero: "Buffon ha una voglia pazza di vincere la Champions"

Il 22 maggio di 21 anni fa all'Olimpico di Roma c'era anche Alessandro Del Piero. Era un giovane calciatore, non ancora capitano ma già diventato uno dei trascinatori di quella Juventus che vinse la Champions League contro l'Ajax. Dopo quella serata di gloria, Del Piero ne ha giocate altre 3 di finali, ma non è più riuscito a vincere la Coppa. Insieme a lui a Manchester, contro il Milan, c'era anche Gigi Buffon che poi ha giocato e perso anche quella del 2015 contro il Barcellona.

Oggi il giornale spagnolo 'Marca' ha pubblicato un'intervista rilasciata proprio da Del Piero che, ovviamente, a Cardiff come a Berlino non ci sarà, se non da spettatore interessato. Secondo l'ex capitano della Juventus non ci saranno squadre favorite il prossimo 3 giugno in Galles: "Non credo che ci sia una favorita: parliamo di due squadre che hanno vinto i rispettivi campionati e che attualmente sono le migliori in circolazione".

La Champions è l'unico grande trofeo che ancora manca al suo amico Buffon. Del Piero ha rivelato che la 'coppa dalle grandi orecchie' è diventata un'ossessione per Buffon: "Gigi è diventato pazzo a furia di aspettare il momento di alzarla al cielo: sono sicuro che lui sarà uno dei protagonisti, così come molti altri campioni".

Questa Juventus dovrà cercare di 'vendicare' la finale persa nel 1998 proprio contro i blancos, decisa da un gol di Mijatović in evidente posizione di fuorigioco: "Allora forse fu il Real ad arrivare meglio di noi a quella partita. Ho un infinito rispetto per loro e per i tifosi madrileni ma a Cardiff naturalmente tiferò per i bianconeri come prevedibile".

Del Piero ha parlato anche di Zidane, suo compagno di squadra nella Juventus: "Tra noi c'era armonia ed intesa, il suo unico intento era quello di aiutare la squadra nonostante fosse dotato di una tecnica e una classe invidiabili. Sinceramente non mi aspettavo di vederlo allenare, anche se uno dei suoi pregi migliori è quello di guardare il calcio con lucidità, il che gli fa sempre prendere le decisioni corrette. I risultati parlano per lui, finora ha vinto tutto".

  • shares
  • Mail