Giro del Delfinato 2017: Démare vince la seconda tappa, Colbrelli quarto | Video

Thomas De Genet è sempre leader della generale.

Arnaud Démare della FDJ ha vinto allo sprint la seconda tappa del Giro del Delfinato 2017 da Saint-Chamond ad Arlanc, lunga in totale 171 km. Il francese ha rimontato Alexander Kristoff e ha vinto per distacco. Al terzo posto si è piazzato Nacer Bouhanni della Cofidis, quarto Sonny Colbrelli della Bahrain-Merida, che essendo stato a ruota di Kristoff, anch’egli ha anticipato un po’ lo sprint. In top-ten troviamo anche Alberto Bettiol della Cannondale-Drapac che ha chiuso al nono posto. Thomas De Gendt della Lotto Soudal conserva la Maglia Gialla senza problemi.

La fuga oggi è partita praticamente subito, al km 0, animata da Koen Bouwman della LottoNL - Jumbo, Romain Combaud della Delko Marseille-KTM, Nathan Brown della Cannondale-Drapac e Mickael Delage della FDJ. Sul primo gpm, la Côte de Croix Blanche, Combaud ha transitato per primo e il drappello di battistrada ha registrato il suo massimo vantaggio di 3’ 40”. Poco dopo, a meno di una trentina di chilometri da via, Delage si è arreso e ha preferito lasciare la fuga e farsi riprendere dal gruppo, perché nel frattempo il suo capitano Démare aveva avuto un problema meccanico e aveva perso tempo, dunque aveva bisogno dei compagni (e li ha ampiamente ripagati nel finale).

Al secondo gpm, il Col de Verrières-en-Forez, è stato Bouwman a transitare per primo, davanti a Combaud e a Brown, quest’ultimo ha poi provato ad allungare in solitaria, ma poco dopo è stato raggiunto dagli altri battistrada. Anche sul Col de Baracuchet il corridore della LottoNL-Jumbo è stato il primo ad arrivare.

Intanto, lungo la salita di seconda categoria, il gruppo si è diviso in tre tronconi, mentre Alexey Lutsenko dell’Astana ne ha approfittato per attaccare e raggiungere in poco tempo i tre uomini rimasti al comando, al km 92. Quando davanti sono tornati a essere in quattro, il vantaggio era di circa 1’ 10”, ma il gruppo ha poi rallentato facendo crescere di nuovo il gap. Al quarto e ultimo gpm di giornata, il Col des Supeyres, è stato di nuovo Bouwman a passare per primo, mentre il plotone aveva 1’ 50” di ritardo.

Al primo passaggio sulla linea del traguardo il ritardo del gruppo era solo d 42” (-31 km) e il gruppetto dei battistrada si è sfaldato, perché solo Lutsenko ha insistito nell’azione, mentre gli altri tre si sono arresi. Intanto nel gruppo c’è stata una caduta che non ha avuto gravi conseguenze.

A 28 km dal termine il gruppo ha via via ripreso i primi tre fuggitivi, mentre Lutsenko per per un po’ ha potuto aumentare il proprio vantaggio fino a un minuto, ma, nonostante la sua caparbietà, ai -3 km è stato ripreso anche lui.

Una volta tornato compatto, il gruppo ha cominciato a organizzarsi per lo sprint finale che ha visto il Team Katusha lanciare la volata un po’ troppo presto per Alexander Kristoff che è stato superato e staccato da Démare.

Questi i primi dieci oggi al traguardo, tutti con lo stesso tempo:
1) Arnaud Démare (FDJ) 4h 13’ 53”
2) Alexander Kristoff (Team Katusha-Alpecin)
3) Nacer Bouhanni (Cofidis, Solutions Crédits)
4) Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida)
5) Phil Bauhaus (Team Sunweb)
6) Edvald Boasson Hagen (Dimension Data)
7) Ben Swift (UAE Team Emirates)
8) Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe)
9) Alberto Bettiol (Cannondale-Drapac)
10) Bryan Coquard (Direct Energie)

E questa la classifica generale dopo due tappe:
1) Thomas De Gendt (Lotto Soudal) 8h 30’ 47”
2) Axel Domont (AG2R La Mondiale) +48”
3) Diego Ulissi (UAE Team Emirates) +1’ 03”
4) Pierre Latour (AG2R La Mondiale) +1’ 07”
5) Emanuel Buchmann (Bora-Hansgrohe) +1’ 07”
6) Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida) +1’ 09”
7) Ben Swift (UAE Team Emirates) +1’ 09”
8) Alberto Bettiol (Cannondale-Drapac) +1’ 09”
9) Tony Gallopin (Lotto Soudal) +1’ 09”
10) Simon Julien (Cofidis, Solutions Crédits) +1’ 09”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail