Roland Garros 2017: la finale è Wawrinka-Nadal

Eliminati Andy Murray e Dominic Thiem.

La finale del Roland Garros 2017 vedrà uno di fronte all’altro due ex vincitori di questo torneo, Stan Wawrinka e Rafael Nadal. Lo svizzero trionfò nel 2015 battendo in finale Novak Djokovic (che è il vincitore uscente avendo vinto il trofeo l’anno scorso), mentre lo spagnolo è semplicemente il re dell’Open di Francia con i suoi nove successi, quattro consecutivi dal 2005 al 2008 e altri cinque consecutivi dal 2010 al 2014. Entrambi hanno vinto tutte le finali disputate (anche se la differenza numerica è notevole: 9-1 per Nadal).

Il primo ad acciuffare un posto in finale oggi pomeriggio è stato Wawrinka che ha vinto una lunghissima battaglia, durata 4 ore e 38 minuti, contro il numero 1 del mondo Andy Murray. Lo svizzero si è ritrovato sempre a inseguire, ma è anche stato sempre capace di rimontare alla grande. Nel primo set Murray ha perso il servizio nell’ottavo game, ma ha subito recuperato il break nel gioco successivo, nessuno ha più ceduto la battuta e così è servito il tie-break che lo scozzese si è aggiudicato 8-6.

Nel secondo set Wawrinka è riuscito a rubare il servizio a Murray nel settimo e nel nono game, senza mai cedere il proprio, chiudendo così sul 6-3. in 48 minuti. Nel terzo set Murray si è ritrovato subito a inseguire perché ha ceduto il primo turno in battuta e lo ha recuperato solo nel quinto game, cedendolo di nuovo nel sesto, ma pareggiando un’altra volta i conti nel settimo. Wawrinka ha concesso due palle-break nel nono gioco, ma le ha annullate ai vantaggi, poi nell’undicesimo game è arrivato il break decisivo a favore di Murray che ha chiuso infine servendo per il set e chiudendolo 7-5.

Nel quarto parziale nessuno dei due ha mai ceduto la battuta e così è servito un’altra volta il tie-break, ma in questo caso è stato Wawrinka ad aggiudicarselo per 7-3, pareggiando il conto dei set. Nel quinto, poi, lo svizzero è riuscito a chiudere in fretta 6-1 aggiudicandosi il match.

Tutta un’altra storia, invece, nella semifinale tra Rafael Nadal e Dominic Thiem, che quest’anno si sono incontrati due volte in finale, a Madrid e Barcellona, e una volta in semifinale a Roma, le prime due vinte dallo spagnolo, mentre l’austriaco riuscì a sorprendere in Italia. Oggi è tornato il Nadal in versione “Spagna” e ha dominato chiudendo la partita in due ore e 10 minuti, cedendo la battuta una sola volta in tutto il match, nel primissimo servizio del primo set, poi è stato impeccabile e si è imposto 6-3, 6-4, 6-0.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail