Donnarumma, parla il fratello: "Chi insulta Gigio non è tifoso del Milan"

Nel dibattito sul gran rifiuto di Gigio Donnarumma al "suo" Milan è intervenuto il fratello Antonio, a sua volta portiere - attualmente accasato all'Asteras Tripolis - ed a sua volta cresciuto nel settore giovanile dei rossoneri. La scelta di non rinnovare il contratto da parte di suo fratello è stata accolta malissimo dai tifosi del Milan, che speravano di poter avere una nuova bandiera da idolatrare per i prossimi 20 anni.

Subito dopo l'annuncio di Fassone, i tifosi del Milan (e non solo) si sono scatenati attraverso tutti i social network con insulti e maledizioni di vario genere. L'epiteto più gettonato è ovviamente 'mercenario', destinato ad un giocatore che soli pochi mesi fa usciva dallo Juventus Stadium baciando la maglia rossonera.

Antonio è dunque intervenuto in difesa del fratello minore, ribadendo la sua fede rossonera e lasciando ad intendere che sarebbe stata la società a costringerlo ad andare via: "Mi rivolgo a tutte le persone che non stanno facendo altro che insultare Gigio e tutta la nostra famiglia. Gigio sin da piccolo è tifoso del Milan. Per lui giocare con la maglia del Milan è un sogno... ha sempre onorato e dato l'anima per questi colori. Ha pianto per ogni sconfitta. Fino a ieri eravate tutti con Gigio. Ora senza sapere nulla state insultando tutta la famiglia, scrivendo frasi che la nostra famiglia non augura nemmeno al peggior nemico. La nostra famiglia ha gioito e pianto con tutti voi tifosi. Il Milan ha una storia incredibile e nessuno può metterlo in dubbio. Per le persone che hanno scritto messaggi a favore di Gigio ci tengo a dire che voi avete capito davvero che persona è... qualunque gesto che ha fatto e qualunque frase ha detto o scritto... L'ha fatto davvero per amore del Milan. Gigio è soprattutto un tifoso del Milan, come voi... e chi lo insulta non è tifoso del Milan".

Difficilmente queste parole riusciranno a convincere qualcuno circa la buona fede del giovane Donnarumma. L'offerta del Milan era sul tavolo ed era anche molto generosa. Lui ha liberamente scelto di andare a guadagnare ancora di più altrove. Solo restando al Milan poteva avere sia la botte piena che la moglie ubriaca.

Mi rivolgo a tutte le Persone che non stanno facendo altro che insultare gigio e tutta la nostra famiglia.. Gigio sin da piccolo è tifoso del Milan.. per lui giocare con la maglia del Milan e' un sogno..ha sempre onorato e dato L anima per questi colori.. ha pianto per ogni sconfitta.. fino a ieri eravate tutti con gigio.. ora senza sapere nulla state insultando tutta la famiglia, scrivendo frasi che la nostra famiglia non augura nemmeno al peggior nemico.. la nostra famiglia ha gioito e pianto con tutti voi tifosi..il Milan ha una storia incredibile.. e nessuno può metterlo in dubbio..Per le persone che hanno scritto messaggi a favore di gigio ci tengo a dire che voi avete capito davvero che persona e' gigio.. qualunque gesto che ha fatto e qualunque frase ha detto o scritto.. L ha fatto davvero per amore del Milan.. gigio e' soprattutto un tifoso del Milan.. come voi..e chi lo insulta non è tifoso del Milan..ora potete anche riempire di insulti questa foto.. ma la famiglia lasciatela stare.. loro ci hanno sempre insegnato i veri valori della vita... per quelli che invece continuano a dire che io devo ringraziare a gigio perché mi da i soldi.. vi dico che a me mai nessuno mi ha regalato qualcosa.. ogni anno lotto per guadagnare quello che mi merito.. grazie.. #brothers #love #donnarumma #alwaystogether

Un post condiviso da Antonio Donnarumma (@antodonnarumma90) in data:


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail