Tour de France 2017, tappa 6: bis di Kittel! Il video dello sprint finale

Tante scaramucce tra i velocisti nel finale.

Aggiornamento ore 17:31 - Bis di Marcel Kittel al Tour de France 2017. Il tedesco della Quick-Step Floors si è imposto in volata al termine della sesta frazione da Vesoul a Troyes. Dietro di lui si è piazzata la Maglia Verde Arnaud Démare, autore di una manovra un po’ azzardata per uscire da una posizione fin troppo vicina alle transenne, ma il suo compagno di squadra Jacopo Guarnieri si è arrabbiato moltissimo con un altro francese, Nacer Bouhanni della Cofidis, che ha rischiato di farlo cadere.

I fuggitivi di giornata sono stati Perrig Quemeneur della Direct Energie, Frederik Backaert della Wanty-Groupe Gobert e Vegard Stake Laengen dell’UAE Team Emirates. Il loro vantaggio massimo è stato di circa quattro minuti, ma sono stati inesorabilmente ripresi a poco più di 3 km dal termine.

Non cambia la classifica generale, Chris Froome del Team Sky resta in Maglia Gialla.

Questi i primi dieci oggi al traguardo, tutti con lo stesso tempo:
1) Marcel Kittel (Ger) Quick-Step Floors 5h 05' 34"
2) Arnaud Demare (Fra) FDJ
3) André Greipel (Ger) Lotto Soudal
4) Alexander Kristoff (Nor) Katusha-Alpecin
5) Nacer Bouhanni (Fra) Cofidis, Solutions Crédits
6) Dylan Groenewegen (Ned) Team LottoNl-Jumbo
7) Michael Matthews (Aus) Team Sunweb
8) Daniel Mclay (GBr) Team Fortuneo - Oscaro
9) Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
10) John Degenkolb (Ger) Trek-Segafredo

E queste le prime posizioni della classifica generale dopo sei tappe:
1) Christopher Froome (GBr) Team Sky 23h 44’ 32”
2) Geraint Thomas (GBr) Team Sky +12”
3) Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team +14”
4) Daniel Martin (Irl) Quick-Step Floors +25”
5) Richie Porte (Aus) BMC Racing Team +39”
6) Simon Yates (GBr) Orica-Scott +43”
7) Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale +47”
8) Alberto Contador (Spa) Trek-Segafredo +52”
9) Nairo Quintana (Col) Movistar Team +54”
10) Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe +1’ 01”

La sesta tappa Vesoul-Troyes


Il Tour de France 2017 vivrà oggi una delle sue tappe più lunghe, 216 km da Vesoul a Troyes, con uno sprint intermedio a Colombey-Les-Deux-Églises e due gran premi della montagna di quarta categoria che non mettono a rischio la Maglia a Pois conquistata ieri da Fabio Aru, il campione sardo dell’Astana che ha emozionato tutti con la sua splendida vittoria sul primo arrivo in salita a La Planche des Belles Filles.

La tappa di oggi, invece, è prettamente per velocisti, non ci sono difficoltà altimetriche e al gruppo basterà tenere sotto controllo il distacco dalla fuga per poi arrivare a un finale in volata in cui le ruote veloci potranno darsi battaglia, possibilmente senza farsi male e senza polemiche come è successo con l’ultimo sprint a Vittel, che si è concluso con l’uscita di scena di Mark Cavendish per infortunio e di Peter Sagan per squalifica.

Oggi dunque ci sono due uomini in meno a lottare per il successo di tappa, ma quelli che sono rimasti sono altrettanto agguerriti, a partire dalla Maglia Verde Arnaud Démare della FDJ, che vuole difendere a tutti i costi il primato nella classifica a punti, ma soprattutto vuole bissare il successo di Vittel, che è stato il primo per lui al Tour de France, ma sicuramente il francese ci ha preso gusto e ci ha preso il gusto il pubblico che è tutto dalla sua parte, visto che è anche il campione nazionale in carica. Se la dovrà vedere con i soliti noti, da Marcel Kittel della Quick-Step Floors ad André Greipel della Lotto-Soudal, da Alexander Kristoff della Katusha-Alpecin a Nacer Bouhanni della Cofidis.

Probabilmente ci proveranno anche John Degenkolb della Trek-Segafredo e Sonny Colbrelli della Bahrain-Merida, anche se il finale non è adattissimo a loro, ma potrebbero tentare qualche mossa a sorpresa. E poi ci sono i vari Dylan Groenewegen del Team LottoNL-Jumbo, Michael Matthews del Team Sunweb, Ben Swift dell’UAE Team Emirates, Michael Albasini dell’Orica-Scott, Mark Renshaw della Dimension Data, che ora prende il posto di Cavendish. Attenti agli azzurri Alberto Bettiol della Cannondale-Drapac e Andrea Pasqualino della Wanty-Groupe Gobert che potrebbero fare classifica.

Per quanto riguarda il percorso, il primo gpm è la Côte de Langres, al km 69, salita di 1,3 km a una pendenza media del 6,3%, il secondo è la Côte de la colline Sainte-Germaine, al km 154, ascesa di 3,1 km al 4,4%. Lo sprint intermedio di Colombey-Les-Deux-Églises si trova al km 135.

La tappa sarà trasmessa come sempre in diretta tv su Eurosport fin dalla partenza verso mezzogiorno, su RaiSport dalle 13:45 e su Raitre dalle ore 15. Si può seguire anche in live streaming agli stessi orari sul sito web ufficiale di RaiSport e attraverso Eurosport Player.

Altimetria e planimetria della sesta tappa Vesoul-Troyes


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail