Filippo Magnini annuncia il ritiro: “Spero di aver scritto parte della storia del nuoto”

Il due volte campione del mondo ha deciso dopo la mancata qualificazione agli Europei.

Filippo Magnini ha deciso: è arrivato il momento di ritirarsi. A 35 anni compiuti la vita da nuotatore è diventata più difficile e, nonostante le recenti vittorie a livello nazionale, la mancata qualificazione agli Europei in vasca corta è stato per lui il segnale che è arrivato il momento di chiudere la sua gloriosa carriera.

Oggi, infatti, proprio dopo la gara dei 200 m stile libero in vasca corta agli Assoluti indoor invernali di Riccione, Magnini, essendo arrivato terzo dietro Filippo Meglio e Fabio Lombini senza raggiungere il tempo limite per la partecipazione agli Europei, ha interrotto le gare, ha preso il microfono e ha annunciato il ritiro. Si è anche scusato perché, di fatto, il suo è stato un fuoriprogramma, ma in realtà non è una scelta impulsiva dettata dalla delusione per la mancata qualificazione alla competizione continentale, infatti ha detto che ci pensava già da giorni:

“Volevo chiedere scusa alla mia società, alla Federazione, perché questo è un po’ un fuoriprogramma. Certe scelte bisogna prenderle e io da un paio di giorni penso a questa cosa, al di là degli Europei, della qualificazione, che sarebbe stata una bella conclusione di carriera però io spero di aver dato qualcosa a questo sport, di aver scritto parte di storia. È dura... Voglio ringraziare tutti quanti, ringrazio i miei compagni di allenamento perché se ho continuato a nuotare all’età di 35 anni è anche perché molti ragazzi di 17-18 anni mi dicevano: ‘Capitano non smettere, capitano non smettere’. Però voglio dirvi questo: in questa fase della mia vita sono stranamente felice e quindi voglio smettere di nuotare in un momento in cui sono felice con me stesso e quindi oggi do addio al mondo del nuoto”

Magnini è stato uno dei nuotatori italiani più forti di sempre, ha vinto 54 medaglie, tra cui spiccano i due ori mondiali nei 100 m stile libero, tre ori europei e un bronzo olimpico ad Atene 2004 nella staffetta 4x200 m stile libero.

Nei giorni scorsi ha vinto i 200 sl sia a Genova sia a Livorno, oggi ha nuotato in 1’ 45” 10, tempo in linea con quello dei recenti successi, ma non sufficiente per andare agli Europei di Copenaghen che sono ormai alle porte, si svolgono dal 13 al 17 dicembre 2017.

Ovviamente il pubblico di Riccione, che lui ha salutato dicendo “Siete stati la mia famiglia per 27 anni”, si è alzato in piedi al momento del discorso di Magnini e gli ha dedicato una più che meritata standing ovation.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail