Pallavolo Femminile | Ornavasso vince il Trofeo Mimmo Fusco 2013 sotto lo sguardo del ct Marco Mencarelli

Siamo Energia Ornavasso comincia molto bene il suo 2013 conquistando un torneo prestigioso come la Coppa Città di Roma-Trofeo Mimmo Fusco.
Le api hanno vinto in rimonta dopo aver concesso il primo set alla Puntotel Sala Consilina, che dopo l'illusione iniziale ha dovuto cedere all'evidente superiorità delle ragazze di Massimo Bellano.

Il Memorial Mimmo Fusco è un torneo importante per le squadre che vi prendono parte non solo per il prestigio e la storia di questa coppa e del personaggio a cui è intitolata, ma anche, come ha ammesso Giorgio Draganov, allenatore di Sala Consilina, per recuperare il ritmo partita, sia a livello fisico sia a livello mentale, dopo la sosta per le feste.

Tra il 1° e il 2° set della finale per il primo posto è stato dato il premio individuale Mimmo Fusco a Luciano Cecchi, ex vicepresidente federale e oggi consigliere della Giunta Esecutiva, per il contributo dato alla pallavolo romana in particolare e italiana più in generale.

Qui di seguito i risultati e i commenti delle due finali e le parole del ct della nazionale femminile Marco Mencarelli, spettatore d'eccezione al Palazzetto di Viale Tiziano a Roma.

Finale 3° posto


Terre Verdiane Volley-Codere Volalto Caserta

3-0 (25-19, 25-16, 25-21)

Risultato netto a favore di Terre Verdiane, società di A2 che naviga nella parte bassa della classifica, che ha fatto valere la sua maggiore esperienza rispetto alla Codere Volalto Caserta che è di una categoria inferiore, la B1, nel cui girone D sta però facendo grandi cose, tanto da essere seconda (ha vinto l'incontro di andata con la prima, l'Ecosunpower Avis Potenza).
Nonostante la sconfitta, Caserta ha confermato quanto di buono ha fatto vedere ieri nella semifinale contro a Puntotel Sala Consilina, è cioè che pur essendo, per ovvi motivi, tecnicamente inferiore alle altre tre partecipanti al quadrangolare, è una squadra compatta, che non molla nemmeno quando sembra spacciata, tanto da aver segnato la maggior parte dei punti proprio quando le avversarie erano ormai certe della vittoria, e ricca di individualità da tenere in forte considerazione anche per le categorie superiori.
Le due squadre si sono affrontate a viso aperto, ma Terre Verdiane ha fatto la differenza a muro e, soprattutto, in attacco, dove ha registrato percentuali migliori soprattutto grazie all'ottima prestazione della schiacciatrice classe '88 Costanza Manfredini, forse galvanizzata anche dalla presenza in tribuna del nuovo ct della nazionale italiana femminile di pallavolo Marco Mencarelli.

 

Le parole del Ct Marco Mencarelli


Nella pausa tra la finale per il 3° posto e quella per il 1°, Maurizio Colantoni, che ha commentato tutto il Trofeo Mimmo Fusco 2013 con Andrea Lucchetta, ha intervistato il nuovo ct della nazionale femminile Marco Mencarelli, presente al Palazzetto di Viale Tiziano a Roma.

Ecco che cosa Mencarelli ha detto al microfono di RaiSport a proposito del suo nuovo e importantissimo incarico:

"Questo salto dalla nazionale juniores a quella seniores lo sento molto, sia dal punto di vista emotivo, sia da quello mediatico. Sono molto preso da questo mio nuovo impegno e ovviamente ho molti più pensieri in testa. La mia abitudine a lavorare con i giovani è un modo di vedere la pallavolo, uno stile, ma dovrò cambiarlo un po', perché ho intenzione di rispettare al massimo l'esperienza sportiva di quelle giocatrici che magari non possono essere ancora definite 'giovani', ma hanno certamente ancora molto da dare alla nazionale. Il livello del nostro campionato è un po' sceso negli ultimi anni, ma proprio perché sono abituato a lavorare con le giovani sono molto ottimista. Spero che persistano le condizioni che mi consentono di restare ottimista.
Io penso che la nostra nazionale sarà molto competitiva. Dopo la fine della stagione di A1 concederò alle giocatrici qualche giorno di riposo e poi tra la fine di aprile e l'inizio di maggio inizierà la preparazione delle azzurre. Abbiamo tutti i ruoli coperti, non è vero che c'è carenza di opposti, perché ci sono Valentina Diouf che sta facendo benissimo, e non dimenticherei Serena Ortolani, anche se ora è in maternità.
Il mio sogno è quello di riuscire a garantire una continuità in termini di risultati, perché quelli ottenuti finora sono più che dignitosi, e allo stesso tempo iniziare un processo di ricambio, ma sempre garantendo una continuità con il passato".

Da ricordare che con Valentina Diouf il ct ha già vinto un Europeo e un Mondiale Juniores.

 

Finale 1° posto


Siamo Energia Ornavasso-Puntotel Sala Consilina

3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-17)

Ornavasso è scesa in campo con un sestetto iniziale con Nicoletta Koutouxidou al palleggio, Serena Moneta, Sara Loda e Veronica Minati in attacco, Federica Tasca e Giulia Salvi centrali più Alessia Ghilardi libero.
Sala Consilina ha risposto con la capitana Paola Colarusso affiancata in attacco da Angela Gabbiadini e Chiara Masotti, Kristyna Pastulova e Marilyn Strobbe centrali, Aleksandra Rynk al palleggio e Martina Boscoscuro libero.
Sia Massimo Bellano sia Giorgio Draganov hanno effettuato parecchi cambi durante la partita per far trovare il ritmo partita a tutte le loro giocatrici.

Il primo set è stato inizialmente piuttosto equilibrato, poi Sala Consilina ha preso il largo dopo il secondo time-out tecnico, Ornavasso ha cercato di recuperare proprio sugli ultimi punti, ma le ragazze di Draganov sono riuscite a chiudere sul 25-22.
Dal secondo set in poi le api hanno ricordato a tutti che quei 12 punti che hanno in più in classifica rispetto a Sala Consilina non sono un caso. Ecco dunque che le giallonere hanno mantenuto negli ultimi tre set un vantaggio sulle avversarie compreso tra i 3 e gli 8 punti che ha permesso loro di condurre il match con tranquillità cancellando il buon primo set di Sala Consilina.
Le api sono state superiori può o meno in tutti i fondamentali, ma la marcia in più l'hanno avuta sicuramente a muro.

Le parole di Veronica Minati, capitana delle api, nominata Mvp della finale, ai microfoni di RaiSport:

"Questa squadra ha davvero una grande energia, al di là del nome. Da tre anni questo gruppo, partito dalla B1, è arrivato in A2 ed è lì a pochissimi punti dalle prime. Abbiamo imparato a pungere, visto che ci chiamano 'api'! Abbiamo condotto un inizio di stagione memorabile, che non ci aspettavamo assolutamente all'inizio. Sappiamo che il girone di ritorno della A2 sarà più difficile perché molte delle altre squadre saranno più rodate, ma noi siamo pronte ad affrontare tutto".

Foto | © Legavolleyfemminile.it

  • shares
  • Mail