NFL: Obama contro i pericoli del football

Obama NFL

A pochi giorni dal Super Bowl, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, irrompe sul palcoscenico NFL e spara a zero contro il football americano, di cui egli stesso è appassionato.

In una intervista a The New Republic, il Presidente esprime i suoi forti dubbi sulla sicurezza del gioco e chiede addirittura di cambiarne le regole per la salute degli atleti.

"Sono un fan del football americano, ma se avessi un figlio, considerando l'impatto che il gioco ha su chi lo pratica, rifletterei seriamente prima di concedergli il permesso di praticare questo sport".

Queste le parole di Obama. La battuta, che va di moda in certi salotti negli States da un bel po', come ci suggerisce Marino, è sempre quella: "Non ci farei giocare mio figlio". Per fortuna, Obama ha solo due figlie.

Obama è un tifoso dichiarato dei Chicago Bears. Quindi conosce l'ambiente e sa bene che rimbalzo avranno ora le sue parole proprio ora, ad una settimana dal Super Bowl tra Baltimore Ravens e San Francisco 49ers. Chiede delle modifiche al regolamento.

"Mi rendo conto che alcune di queste modifiche potrebbero rendere meno eccitante il football, ma certamente diventerebbe una disciplina molto più sicura per i giocatori".

Barack Obama ha inoltre assicurato di essere più preoccupato per i giocatori universitari che per quelli della NFL, poiché questi

"hanno un sindacato, sono adulti, prendono decisioni per se stessi e sono ben ricompensati per la violenza dei colpi che ricevono. Ma poi si leggono storie di giocatori universitari che hanno quegli stessi problemi, con commozioni celebrali e non sanno a chi ricorrere".

Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail