Coppa Davis, Italia-Croazia | Lorenzi - Cilic 1-6, 7-6 (8-6), 6-4, 3-6, 2-6

SEGUI LIVE ANDREAS SEPPI CONTRO IVAN DODIG

Lorenzi firma autografi

18.07: fra poco, il Palavela si appresta ad ospitare il secondo singolare della prima giornata di Italia-Croazia. A contendersi il secondo punto in palio oggi, Andreas Seppi e Ivan Dodig. Seguiremo live dal Palavela anche questo match.

Intanto, piccola consolazione per lo sconfitto Lorenzi: un allegro bagno di folla, con tanti piccoli fan a chiedere un autografo e una foto.

Cilic batte Lorenzi

17.56: Marin Cilic vince il primo singolare, conquistando per sei giochi a due il quinto set.
6-1, 6-7(6), 4-6, 6-3, 6-2 il punteggio finale. Paolo Lorenzi, che non doveva nemmeno essere impiegato in questo match, esce senz'altro dal campo a testa alta.

Resta il rammarico per una piccola impresa che, tutto sommato, sembrava alla portata del nostro.

17.50: c'è del drama in questo settimo gioco, che finisce nel peggiore dei modi per i nostri colori. Cilic picchia più forte da fondocampo, indovina le linee e sbaglia meno di prima e riesce a strappare il secondo gioco all'azzurro. Ora il croato può servire per il match, dopo tre ore e quaranta di gioco.

Paolo Lorenzi contro Marin Cilic

17.45: Lorenzi va avanti 0-15 sul servizio del croato, ma poi cede per due volte su altrettanti scambi prolungati. Nel primo non arriva sulla palla, nel secondo la butta a rete. 30-15 per Cilic, che poi butta fuori un lungolinea di rovescio. 30-30. Dopodiché Cilic allunga e tiene il servizio. Lorenzi ha molto da recriminare per il break che ha subito.

17.40: 3-2, Lorenzi tiene il gioco. Si va al cambio di campo con Cilic che serve per mantenere le distanze.

Lorenzi contesta un punto poi rinuncia

17.35: doppio fallo per Cilic, che poi spara fuori un dritto giocato quasi a colpo sicuro, ennesimo errore non procurato. 0-30. Il croato tira fuori dal cilindro due ace per il 30-30. Poi il terzo consecutivo per il 40-30: Lorenzi abbozza appena una contestazione. Poi risponde bene a una prima di servizio difficile ma spreca malamente in rete. 3-1 Cilic.

giudice di sedia

17.33: Lorenzi perde il gioco. Sotto 0-30, pareggia ma poi va di nuovo sotto e non controlla il palleggio di pochissimo, come attesta il giudice di sedia. Cilic avanti 2-1 dopo 3 ore e 23 minuti di gioco. Ora Lorenzi deve reggere di nervi, perché è su questo piano che si gioca l'incontro.

17.30: il quinto inizia con Lorenzi che cambia maglietta e veste di giallo. E 4 errori di Cilic, che consente a Lorenzi di tenere facilmente il servizio, a zero. Poi Cilic pareggia i conti in un game appena più combattuto, in cui il croato mette a segno due smorzate.

17.17: due set pari! Cilic si prende il quarto parziale 6-3, vincendo il suo game a zero e con un ace in chiusura. Lorenzi deve reagire. Sugli spalti, un tifoso croato torna a crederci un po'.

17.14: ed ecco il break. La reazionedi Lorenzi nel sesto gioco, dunque, era solo il preludio a quel che poi sarebbe accaduto. Ora Cilic è avanti 5-3 e serve per il set.

17.13: altro passaggio a vuoto di Lorenzi, di nuovo sotto 0-40.

17.11: il croato non concede più niente a Lorenzi nei suoi turni di servizio. Cilic avanti 4-3.

17.03: i segnali di cedimento sembrano farsi più concreti. Cilic va avanti 0-40. Lorenzi prova a restare in partita, approfitta di un errore non procurato, fa un ace (Cilic contesta e si becca i «Buu» del pubblico) e poi spinge da fondo fino a trovare l'errore dell'avversario. 40-40. Poi un doppio fallo, ma Lorenzi prima annulla la palla break e poi si tiene il gioco, con l'esultanza del pubblico che ora comincia a crederci. E lui stesso che, finalmente, ha preso a fare il pugno e digrignare i denti guardando la panchina azzurra. Bravo Paolo.

16.59: brutto game di Lorenzi, Cilic lo vince facile. Brutto presagio?

16.56: anche un po' di fortuna ci vuole. Cilic manda avanti e indietro il nostro, poi tira in corridoio un lungolinea che avrebbe potuto fargli acciuffare la parità. 2-2.

16.54: il terzo punto del quarto game del quarto set è di quelli da ricordare. Passante di rovescio giocato a pochi centimetri da terra. Peccato che poi sull'esaltazione Lorenzi sprechi a rete una volee che avrebbe potuto chiudere i giochi del game e si faccia sorprendere da una buona risposta di Cilic subito dopo. 40-30.

16.53: si riparte. Lorenzi serve bene, chiama a rete l'avversario due volte: la prima, Cilic sparacchia a rete. La seconda, l'azzurro lo beffa con un pallonetto. 30-0

16.50: i valori in campo sono davvero cambiati. Cilic tiene a bada Lorenzi anche nel terzo gioco, ma si deve andare a conquistare i punti. 2-1 per il croato.

16.48: due ace in un game e anche Lorenzi tiene il servizio.

16.45: Cilic tiene il primo gioco del quarto set.

16.39: Lorenzi vince il terzo set! L'azzurro, dopo aver annullato due palle break all'avversario, conquista il punto decisivo alla prima occasione utile, con tre volée consecutive che fanno esplodere il Palavela.

16.36: Lorenzi parte malissimo. Sotto 0-30, trova una buona prima e Cilic risponde a rete. Poi sbaglia malamente uno scambio da fondocampo ed è sotto 15-40. Cilic ha due palle per controbreak. Il croato spreca la prima occasione sulla seconda di servizio di Lorenzi, che poi, con uno splendido scambio a fondo costringe Cilic all'errore. 40-40. Quindi, ancora una smorzata da paralisi. Set point.

Lorenzi al servizio

16.31: reazione di Cilic. Va a rete e chiude con la volée per il 15-0, poi servizio e volée anche da sinistra. Quindi ace per il 40-0. Era da un po' che Cilic non aveva una buona percentuale di prime palle. Sul quarto punto, il croato sbaglia una palla corta. 40-15, poi indovina un ace. 5-4. Dopo il cambio di campo, Lorenzi può servire per il set.

16.30: Lorenzi tiene il game a zero. 5-3

Cilic Italia-Croazia

16.23: Lorenzi risponde male alla seconda di servizio di Cilic. Poi lo costringe all'errore con un passante in corsa. Sul 15 pari, Cilic attacca e l'azzurro sballa il pallonetto 30-15. Poi il 40-15 di Cilic, quindi gli applausi per una smorzata a fil di rete con cui Lorenzi paralizza l'avversario. 40-30. Lorenzi prova ad attaccare ma il dritto finisce a rete. Conserva comunque il break di vantaggio.

16.21: Lorenzi trova il servizio che non ti aspetti. Due vincenti per aprire il game. Poi Cilic, che pure risponde bene alla seconda palla del terzo punto, spreca a rete e poi, nello scambio successivo da fondo campo commette un altro errore non procurato. 4-2 per l'azzurro. Dagli spalti qualcuno grida già «è finito, è finito». Ma nel tennis è sempre meglio aspettare.

Barazzutti  e Lorenzi

16.19 se ne vanno le 2 ore di gioco. Due ore e otto minuti, per la precisione. Tutto facile nel quinto game del terzo set per Cilic, che tiene facilmente il servizio. Cambio di campo sul 3-2 per Lorenzi.

16.17: in un game di grande intensità, in cui Cilic fa uno degli errori che gli abbiamo visto commettere molte volte oggi, ma ha anche a disposizione una palla break (sparacchiando fuori con una brutta steccata), e riesce ugualmente a mettere pressione al nostro, Lorenzi tira ancora fuori personalità e servizio e tiene. 3-1.

16.09: Cilic non ci sta, ovviamente, e cerca di tornare a imporsi: tiene il gioco e accorcia le distanze. Si va al cambio di campo sul 2-1.

16.05: Lorenzi tiene il game, dopo essere stato sotto di un quindici. L'ultimo punto è un ace: l'azzurro comincia a crederci? Di sicuro è cresciuto non solo in gioco ma anche in personalità.

16.02: brutto momento per Cilic, e Lorenzi prova ad approfittarne. Il croato spara in corridoio una volée facilissima e concede una palla break all'azzurro, che strappa il break con un lungo scambio da fondo.

15.54: l'azzuro si scalda e scalda i tifosi, piazza un'ottima prima sul 6-6 e poi si prende il set.

15.46: 2-2 nel Tie break. Lorenzi era partito bene con un minibreak ma poi si è fatto raggiungere dall'avversario. Grande equilibrio in campo. Poi ace dell'azzurro. 3-2. Lorenzi conduce un ottimo tie break, ma Cilic si tiene in gioco col servizio.

15.41: Lorenzi risponde alto ma buono, il giudice di linea chiama l'out, il pubblico rumoreggia, il giudice di sedia fa rigiocare il punto. Poi ancora una volta il croato tiene il game. 6-6.Tie break.

15.38: Lorenzi si libera e mette Cilic sotto pressione. 6-5, con il croato lasciato a zero.

15.27: Cilic è sotto nel suo game e Lorenzi conquista la sua prima palla break e set. Ma il croato si salva. 5-5.

15.28: Lorenzi parte aggressivo. Servizio e discesa a rete per il primo quindici, poi un errore su una palla corta dell'avversario e tre ottime prime palle fanno il resto. 5-4 per l'azzurro, che in questo secondo set sembra essere in grado di giocarsela alla pari, se non altro.

15.22: sul 15-0 per Cilic, punto rocambolesco, il croato aiutato da un nastro, poi palla corta, contro-pallacorta e passante di Lorenzi che Cilic non può respingere. Il pubblico si esalta. Non basta per fermare il croato. 4-4.

15.19: avanti 15-30, Cilic lascia spazio a Lorenzi e poi sparacchia fuori un dritto. 4-3 per l'azzurro.

Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013

Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013
Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013
Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013
Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013

15.15: il pubblico del Palavela ci sperava, ma Cilic inanella 5 punti di fila e agguanta il pareggio. 3-3, Lorenzi al servizio.

15.14: il croato si aggrappa al servizio e alla profondità dei colpi e riporta le cose in parità.

15.12: Lorenzi avanti 0-40 sul servizio di Cilic!

15.07: se non altro Lorenzi è entrato in partita. Ora conduce 3-2.

15.03: Cilic rimette le cose a posto col servizio. 2-2.

Il tifo sugli spalti

14.59: Lorenzi accende un barlume di speranza nel tifo portandosi 0-30 sul servizio di Cilic. Ma il croato pareggia i conti grazie a due brutti errori dell'azzurro e poi va avanti 40-30.

14.57: blackout di Cilic o buon momento di Lorenzi? Forse entrambe le cose. L'azzurro è avanti 2-1.

14.54: Lorenzi dà il massimo e il pubblico si infiamma, ma non basta per strappare il break a Cilic. 1-1

14.48: un altro Lorenzi in partenza del secondo set, scalda il tifo e, dopo un quindici conquistato faticosamente da fondo campo, tenta un po' di soluzioni diverse, fra cui una smorzata che fa correre Cilic e lo fa infilzare. 1-0 per l'azzurro nel secondo.

14.41: Cilic vince il primo set 6-1. Lorenzi riesce a trascinarlo ai vantaggi nel servizio, ma non c'è molto da fare contro il croato, che non sta faticando minimamente.

Marin Cilic contro Paolo Lorenzi

14.37: Cilic avanti 5-1, Lorenzi commette l'ennesimo errore non procurato nel palleggio.

14.36: «Paolo, Paolo», si grida dagli spalti. Perché l'azzurro trova un bel rovescio lungolinea per il 30-30 sul suo servizio. Poi Cilic prende il nastro, Lorenzi sbaglia i tempi dell'attacco a rete e si fa infilare da un passante. Ancora una palla break per il croato.

14.32: 4-1 per Cilic, che sovrasta l'azzurro nel palleggio e sfodera un repertorio decisamente più vario, di palle corte e volée. Lorenzi sembra in balia degli eventi.

14.28: Cilic preme sull'acceleratore. Lorenzi continua a non capire come entrare in partita. Il dritto di Cilic non perdona e il croato va avanti 3-1. La idifferenza in campo fra i due, quando Cilic non commette errori non provocati, sembra davvero incolmabile.

Lorenzi al servizio

Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013 - Marin Cilic
Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013 - Paolo Lorenzi
Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013 - Paolo Lorenzi
Coppa Davis - Italia-Croazia, 1-3 febbraio 2013 - Paolo Lorenzi

14.25: Cilic non fatica troppo a tenere il servizio. 2-1 per il croato, che può contare anche su qualche sostenitore fra il pubblico.

14.20: Lorenzi va sotto 15-40 sul suo servizio, poi riesce a portarsi in vantaggio, quindi viene di nuovo raggiunto dall'avversario che picchia duro da fondocampo ma sbaglia spesso. Di nuovo vantaggio Lorenzi. Si alza il tifo. L'azzurro indovina la prima di servizio e tiene il gioco.

Paolo Lorenzi al servizio

14.12: Cilic parte forte. Il primo punto per Lorenzi è dovuto a un doppio fallo del croato, avanti 40-15. Nello scambio seguente, l'azzurro risponde bene, picchia duro da fondo e incassa un altro quindici per un errore di Cilic che non regge lo scambio. Poi, Lorenzi risponde bene, mette in difficoltà Cilic ma sbaglia clamorosamente, buttando la volée a rete. Primo game per il croato.

14.08: si parte. Cilic è al servizio.

Marin Cilic

14.07: dall'altra parte del campo, Marin Cilic. Avversario che sulla carta appare davvero ostico per Lorenzi, subentrato, come ricordavamo, in sostituzione dell'influenzato Fognini.

Il calore del Palavela (i torinesi si fanno sentire anche se la struttura non è al completo, e si intravede – e si sente – anche qualche vuvuzela) farà bene a Lorenzi?

Il riscaldamento è quasi finito, quindi stiamo per scoprirlo.

Paolo Lorenzi

14.04: Paolo Lorenzi è in campo per palleggiare nel riscaldamento con Cilic.

13.59: dopo gli inni, ecco che viene mandato in audio il celeberrimo monologo motivazinale pronunciato da Al Pacino in Any Given Sunday, poi il gladiatoresco «Al mio segnale scatenate l'inferno», quindi la ritmica di We Will Rock You, che ha accompagnato anche l'ingresso degli atleti delle due nazionali prima degli inni.

13.55: inni nazionali e presentazione elle squadre. Il Palavela è semivuoto negli anelli bassi, straripa, invece, al terzo anello, dove erano in vendita bilietti a prezzi più popolari.

Lorenzi Cilic Coppa Davis - Italia-Croazia 2013

13.45: stiamo per iniziare a seguire il primo singolare di Italia-Croazia. Fabio Fognini, alla fine, non ce la fa. Così, sarà Paolo Lorenzi ad aprire le danze contro Marin Cilic.

Il sanremese, ieri, era febbricitante, ma Barazzutti era fiducioso e pensava di poterlo recuperare. Non è stato così.

Lorenzi è numero 61 del ranking mondiale, ha 31 anni e una presenza in Davis. Una presenza di buon auspicio, visto che a maggio 2010 ha battuto a Zoatermeer (si disputava Olanda-Italia) 6-4, 6-3 Igos Sijsling.

Fognini - Cilic

Fabio Fognini - Marin Cilic - Primo singolare - Coppa Davis 2013 - 1-3 febbraio, Torino - I precedenti

Il primo singolare di Italia-Croazia, incontro valido per il World Group 2013 di Coppa Davis di Tennis vedrà contrapposti, come da sorteggio, Fabio Fognini e Marin Cilic.

Lo seguiremo live, direttamente dal Palavela di Torino.

Il sorteggio ha voluto che il numero 2 azzurro se la vedesse subito con il numero uno croato, ad aprire la giornata. Fognini è numero 44 del ranking ATP, mente Cilic è numero 13. I precedenti fra i due vedono il croato in vantaggio per 2-1, ma uno degli incontri è stato disputato su una superficie veloce: nel 2011, sul cemento, Cilic ha battuto l'azzuro 6-2, 6-7(2), 6-3.

Gli altri due precedenti, invece, sono su terra rossa. E qui il conto è pari. Fognini ha vinto a Monte Carlo, nel 2009, con un secco 6-2, 6-0; due anni dopo, nel 2011 ha perso con un doppio 6-2 a Umago.

E il 2011 è stato, per Cilic, uno degli anni peggiori: dopo una doppia annata trascorsa saldamente in 14° posizione nel ranking ATP, nel 2011 era crollato in 21°. Ora è in netta risalita. Il che, sommato ai numeri del "nostro" Fognini, lascia poche speranze all'azzurro, volendo essere realistici.

Questo anche se la tradizione dell'Italia in Coppa Davis è costellata di imprese anche clamorose nei singolari.

Le condizioni di Fabio Fognini, in giornata, hanno destato un po' di preoccupazione. Il capitano Barazzutti ha spiegato che

«Fabio ha avuto un leggero rialzo di temperatura»

così, oggi l'azzurro non si è visto in sede di sorteggio:

«Per precauzione è restato in albergo. Speriamo di recuperarlo rapidamente per domani».

Qualora Fognini dovesse dare forfait, sarebbe la volta di Paolo Lorenzi, anche se Barazzutti ha precisato:

«Se Fognini sarà in buone condizioni giocherà lui perché credo sia più adatto all’incontro di domani, ma questo non significa che Paolo non lo sia, tutt’altro».

Cilic sa di essere più forte sulla carta, ma ha comunque speso parole di elogio per la compagine azzurra:

«Sono entrati in una nuova generazione».

Poi ha commentato il Palavela, inedita location "indoor":

«Il campo è buono, ormai sono quattro giorni che stiamo lavorando».

La notte scioglierà le riserve e i timori per gli azzurri (è chiaro che si preferisca schierare Fognini, e dunque che la squadra speri che si rimetta completamente) e alle 14 la parola passerà definitivamente al campo. La Torino tennistica (ma anche l'Italia tutta) è pronta a riscoprire la Davis che conta.

  • shares
  • Mail