Coppa Davis 2013: Djokovic si infortuna alla caviglia poi batte Querrey e porta la Serbia in semifinale, video

Missione compiuta con brivido per Novak Djokovic. Il numero uno del mondo ha sconfitto l'americano Sam Querrey (5-7; 7-6; 6-1; 6-0) nel match di singolare della sfida valida per i quarti di finale di Coppa Davis conquistando il punto decisivo per la qualificazione della Serbia in semifinale, la terza negli ultimi quattro anni.

Quanta paura però per Nole. Dopo appena sei minuti di gioco, il serbo ha subito un brutto infortunio, una distorsione alla caviglia destra apparsa molto grave. Impressionanti le immagini con l'articolazione soggetta a una torsione innaturale.
Djokovic ha immediatamente intuito che si trattava di qualcosa di serio. Prontamente soccorso dallo staff medico, ha stretto i denti e deciso di proseguire. Nell'intervista post partita lui stesso ha ammesso di aver provato davvero tanto dolore nel corso dei primi due set poi un fastidio alla spalla di Querrey con conseguenti problemi al servizio per l'americano gli hanno spianato la strada consentendogli di chiudere terzo e quarto set 6-1; 6-0 in poco più di mezz'ora.

Djokovic ha dato una dimostrazione di grande coraggio. Dopo un infortunio del genere, proseguire e sollecitare ulteriormente la caviglia poteva essere molto rischioso soprattutto in vista del prosieguo della stagione che la prossima settimana vivrà già un appuntamento importante con il Masters di Montecarlo. Non è la prima volta che il tennista serbo "rischia" per la sua nazionale in Coppa Davis. Nel settembre '11, dopo aver vinto lo Us Open in finale contro Nadal, decise di disputare lo stesso, a Belgrado, il match di singolare contro Del Potro con l'Argentina in vantaggio 2-1, nonostante fosse infortunato alla schiena. Si ritirò dopo un set aggravando ulteriormente lo strappo ai muscoli dorsali. Nei prossimi giorni sapremo l'entità della distorsione alla caviglia e se Djokovic sarà regolarmente in campo a Montecarlo.

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail