Maratona di Boston: attentato terroristico all'arrivo, tre morti, decine di feriti | Il video dell'esplosione

 Ore 00:10: Breve Intervento del presidente Barack Obama: "Sono vicino alle famiglie delle vittime per questa azione senza senso. L'America intera si stringe attorno a loro. Non commetteremo errori. Andremo fino in fondo e scopriremo chi ha commesso questo crimine. Vi informeremo costantemente di cosa sta accadendo".

Ore 23.55: La polizia ha smentito categoricamente la notizia del fermo di un sospettato.

Ore 23.46: L'incendio alla Biblioteca non sembrerebbe collegato all'attentato della Maratona bensì a un cortocircuito elettrico

Ore 23.27: Bloccate tutte le linee dei cellulari per evitare altre possibili detonazioni.

Ore 23.15: Secondo il New York Post che cita fonti della polizia, i morti sarebbero almeno 12. Oltre 50 i feriti. Ci sarebbe un sospettato di origine saudita trattenuto dalle autorità. La FBI parla apertamente di attentato terroristico.

Ore 23.10: Secondo notizie fornite dagli ospedali di Boston, i feriti sarebbero almeno 100, non tutti però in gravi condizioni.

Ore 23.01: La polizia non ha parlato apertamente di Attentato Terroristico ma la concatenazione degli eventi non fa pensare ad altro.

 Ore 22.55: Conferenza stampa della polizia di Boston. C'è stata una terza esplosione alla JFK Library che ha causato un incendio ma nessun ferito. Le bombe sul traguardo della Maratona erano piazzate nei cestini della spazzatura. Tutti i feriti sono stati portati in ospedale

Ore 22.50: La giornalista del Boston Globe Cynthia Needham, sul suo profilo Twitter, riferisce di sei feriti in condizioni critiche e di diverse persone ricoverate con lacerazioni e amputazioni agli arti.

Ore 22.40: Bloccato lo spazio aereo di Boston. Stato di allerta anche a Washington. Come misura cautelativa un cordone di sicurezza ha circondato la Casa Bianca. Fonti investigative confermano il ritrovamento di bombe artigianali. Due ospedali di Boston impossibilitati a ricevere i feriti.

Ore 22.35: La polizia ha fatto esplodere un terzo ordigno. Trovate altre due bombe non esplose.

Due forti esplosioni si sono verificate al traguardo della Maratona di Boston, giunta quest'anno alla 117° edizione. I media statunitensi, dopo l'iniziale cautela, stanno diffondendo la notizia che ci sarebbero le prime vittime. Si parla di tre morti, due finora quelli confermati dalla polizia. Decine i feriti. Le esplosioni si sono verificate a poca distanza l'una dall'altra mentre gran parte degli atleti, dilettanti e amatori,  giungeva al traguardo due ore dopo i vincitori. Il secondo ordigno ha colpito anche i soccorritori.
Le due deflagrazione hanno avuto origine dal vicino hotel Fairmont Copley Plaza.
Per precauzione la polizia ha evacuato un altro albergo della zona.

Scene di panico tra il pubblico. In molti sono stati colpiti e travolti dalle transenne saltate in aria per l'onda d'urto. "E' spaventoso. Qui c'è sangue ovunque" ha twittato un giornalista del Boston Globe presente sul posto. Il presidente Obama ha ricevuto notizia dell'attentato di cui ancora si ignora l'origine. Stato di allerta anche a New York. Sembra di rivivere l'11 settembre. La corsa era dedicata alle vittime della strage avvenuta lo scorso dicembre alla scuola di Newtown, evento che ha rilanciato negli Usa il dibattito sul possesso e la vendita libera delle armi. Seguono aggiornamenti.

Ecco il video tremendo del momento dell'esplosione trasmesso dal Boston Globe

Attentato Maratona di Boston

Attentato Maratona di Boston
 Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston Attentato Maratona di Boston

Foto: Getty Images

  • shares
  • Mail