Tennis | Wimbledon non conosce crisi: +40% di montepremi nel 2013

Vincere il torneo di Wimbledon significa certamente entrare nella storia del tennis. Ma iscrivere il proprio nome nel palmares del più antico e prestigioso evento di questo sport vuol dire anche guadagnare un bel gruzzoletto. Per l'edizione del 2013, infatti, l'organizzazione ha deciso di incrementare il suo montepremi del 40 per cento diventando in questo modo il più ricco della storia del tennis. Il montepremi sarà di 22,6 milioni di sterline (quasi 26,5 milioni di euro), con un aumento di 6,5 milioni rispetto all'anno scorso. I vincitori del singolare maschile e femminile incasseranno un assegno di 1,6 milioni di sterline (nel 2012 il premio era di 1,15 milioni).

Gli organizzatori di Wimbledon hanno anche svelato un importante progetto che prevede la costruzione di un secondo tetto retrattile, questa volta sul campo n.1, di 11.500 posti. Il restyling dovrebbe terminare entro il 2019. Il campo centrale è già dotato dal 2009 di un tetto che ha risolto il problema del maltempo, un vero e proprio incubo per il torneo inglese. Il tetto sul campo n.1 consentirebbe di garantire lo spettacolo a 26.500 spettatori circa senza lunghe interruzioni.

Il Torneo di Wimbledon è il più antico e prestigioso evento nello sport del tennis. Il torneo, che si tiene tra giugno e luglio a Wimbledon (Londra), è il terzo dei tornei del Grande Slam. Si gioca ogni anno, preceduto dall'Australian Open e dagli Open di Francia, e seguito dagli US Open. Il torneo (l'unico tra quelli del Grande Slam ad essere giocato sull'erba) dura due settimane. Un arco di tempo che spesso si protrae per colpa della pioggia. Nella scorsa edizione vinsero Federer (7 vittorie in carriera per lo svizzero) e Serena Williams (cinque vittorie per l'americana).

  • shares
  • Mail